BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tragedia di Azzano, processo abbreviato per l’investitore di Luca e Matteo

Matteo Scapin è accusato del duplice omicidio volontario di Luca Carissimi e Matteo Ferrari: il 4 agosto scorso a bordo della sua Mini Cooper urtò la Vespa sulla quale viaggiavano i giovani.

Matteo Scapin, accusato del duplice omicidio volontario di Luca Carissimi e Matteo Ferrari, sarà giudicato con rito abbreviato: è quanto è stato stabilito nel corso dell’udienza preliminare di venerdì 10 luglio, su richiesta dei suoi difensori Andrea Pezzotta e Riccardo Tropea.

Il caso risale al 4 agosto dello scorso anno quando Scapin, 34 anni, a bordo della sua Mini Cooper urtò la vespa sulla quale viaggiavano i due giovani residenti nel quartiere cittadino di Borgo Palazzo, al termine di una serata di tensione all’interno e all’esterno della discoteca Setai di Orio al Serio.

Secondo il pm Raffaella Latorraca quella manovra fu volontaria, mentre i difensori del ragazzo si sono sempre opposti a quella ricostruzione riconducendo il tutto all’omicidio stradale.

Una manovra al centro di diverse perizie cinematiche che, presumibilmente, saranno il nodo centrale anche del processo.

Matteo Scapin e la sua Mini Cooper dopo l'incidente
scapin incidente azzano

Nella mattinata di venerdì gli avvocati Pezzotta e Tropea hanno chiesto che nel rito abbreviato, che prevede lo sconto di un terzo della pena, venga ascoltato il proprio consulente che depositerà una nuova perizia sulla dinamica.

In aula non c’era l’imputato, agli arresti domiciliari per decisione della Cassazione, mentre c’erano i familiari delle vittime che, rappresentati dagli avvocati Francesca Longhi e Dimitri Colombi, si sono costituiti parte civile nel procedimento.

La prossima udienza è stata fissata per l’11 settembre: il Gup Massimo Magliacani in quella sede ascolterà anche il perito della procura.

Luca Carissimi e Matteo Ferrari, morti nell'incidente del 4 agosto
morti incidente azzano

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.