• Abbonati
Il messaggio

“Grazie ai medici di Bergamo che hanno operato con amore mia figlia autistica”

Daniela Vanillo ringrazia il personale medico delle Gavazzeni per come hanno accolto la sua Giorgia Maria: "Stupendi, anche nell'emergenza Covid"

L’amore di una mamma per la propria figlia, che un medico riesce a cogliere e a trasmettere alla giovane paziente. Daniela Vanillo, una donna bergamasca con una figlia autistica, Giorgia Maria, ringrazia il personale medico delle cliniche Humanitas Gavazzeni e Castelli di Bergamo per come hanno accolto la sua ragazza. In particolare il dottor Antonio Corapi. 

leggi anche
A Generica
La bella storia
“Con un peluche e tanto amore ho fatto parlare mia figlia autistica”

Giorgia Maria, 25 anni, nei giorni scorsi ha dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico nella struttura ospedaliera cittadina, per fortuna andato bene. Dopo le dimissioni della figlia, mamma Daniela ha scritto una lettera per dire grazie chi ha curato la ragazza con tanta sensibilità:

“Prima di entrare in sala operatoria ho detto al dottor Antonio Corapi: “Questa è mia figlia, ora… è sua figlia”. Lui mi ha risposto:”Tranquilla”.

Con la mia Giorgia arrivare all’intervento è stato un percorso lungo e pieno di ostacoli. Una ragazza come lei, ha bisogno di mille attenzioni, anche quelle che non si vedono. Devo dire che ho incontrato: chi sosteneva di essere un medico, ma ne aveva solo il nome; chi all’umanità e all’empatia, aveva sostituto l’ego; chi,aveva fatto il giuramento di Ippocrate pensando forse “ad una pizza margherita”.

leggi anche
Daniela Vanillo
La storia
“Mia figlia autistica e i tanti ostacoli verso il diploma: ora che gioia, sono commossa”

Poi, un giorno ho incontrato il dottor Antonio Corapi che ha preso in mano e nel suo cuore la situazione di Giorgia, e ha risolto. Un chirurgo con la “ C” maiuscola , ma soprattutto un uomo scrupoloso e umano. Con competenza e pazienza ha eseguito quell’intervento magistralmente.

Devo ringraziare dunque l’equipe della Humanitas Gavazzeni e Castelli di Bergamo: oltre al dottor Corapi, il dottor Carlo Ghilardi, la dottoressa Patrizia Chiara Ghisi, la dottoressa Bruna Rea, Ilaria Esposito, Egle Giavarini e tutte le infermiere della sala operatoria e della corsia.

Tutti loro sono un esempio di come si opera sensibilmente, con l’individualità di un essere umano, con il dolore e con la preoccupazione. Sono un esempio di come, tutti noi, vorremmo sentirci accolti come pazienti ma soprattutto come esseri umani.

Prima di entrare in sala operatoria ho detto al dottor Corapi: “Questa è mia figlia, ora… è sua figlia”. Lui mi ha risposto sorridendo: “Tranquilla”.

leggi anche
daniela autismo
Bergamo
Daniela, la mamma che si batte per la figlia autistica “e per gli angeli come lei”

Questi medici sono coloro che dovremmo e vorremmo sempre incontrare, in una struttura ospedaliera e che, nonostante il momento, ci hanno accolto in tale modo, nonostante provati dalla situazione Covid a Bergamo. L’accoglienza di tutti è stata fondamentale, tale da far aprire al dialogo Giorgia (cosa rarissima) perfino in sala operatoria.

Un Grazie di Cuore!

Mamma Daniela e Giorgia”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
Album Generico
Lunedì 2 alle 11
Giornata mondiale dell’autismo, “Venite ad abbracciarmi sul Sentierone”
abbracci autismo
Giornata mondiale
Un nastro azzurro che diventa fiocco, gli abbracci per l’autismo scaldano il Sentierone
medici di base
L'intervista
Medici di base: “Più del previsto i pensionati, si aumentino i pazienti, ma puntando su microteam”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI