Blue Meta: rinnovata l’iniziativa solidale “Insieme per Caritas” - BergamoNews
Fino al 31 luglio

Blue Meta: rinnovata l’iniziativa solidale “Insieme per Caritas”

Grazie alle attivazioni delle bollette via mail da parte dei clienti Blue Meta, il Gruppo Hera di cui l’azienda fa parte, ha già raggiunto l’obiettivo di donare l’equivalente di oltre 38.000 pasti alle persone in difficoltà delle regioni servite.

Una donazione di 2 euro alla Caritas Italiana da parte di Blue Meta per ogni cliente che richieda l’invio elettronico della bolletta, per fornire pasti a chi ne ha bisogno. È questa l’iniziativa di solidarietà messa in campo dall’azienda a partire da metà maggio e che ora viene prorogata fino al 31 luglio.

Grazie al progetto “Insieme per Caritas”, lanciato dal Gruppo Hera e sviluppato in tutti i territori in cui le società del gruppo sono operative, le oltre 76.800 richieste di attivazione della bolletta per e-mail, sono state trasformate nell’equivalente di oltre 38.000 pasti da destinare alle persone in difficoltà in Veneto, EmiliaRomagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Lombardia e Puglia.

Questa operazione, oltre a garantire un importante supporto sociale, rappresenta anche un vantaggio per i clienti, poiché l’invio per e-mail assicura puntualità di consegna, e anche per l’ambiente, in termini di risparmio di carta ed emissioni in atmosfera per produrla e trasportarla.

Generico luglio 2020

Numerose donazioni e agevolazioni messe in campo da Blue Meta

Il progetto di solidarietà che ha visto coinvolta la Caritas Italiana si affianca alle altre numerose iniziative messe in campo in questo periodo da Blue Meta per tutelare e sostenere tutti i propri stakeholder, a partire da dipendenti, fornitori e clienti. In particolare, per i propri clienti – famiglie e imprese – in difficoltà economica sono state introdotte dilazioni di pagamento e rateizzazioni delle bollette. Inoltre, poiché l’emergenza Coronavirus ha messo a dura prova il sistema sanitario, sono stati donati da parte di tutte le aziende del Gruppo Hera, oltre 600 mila euro a favore dei Servizi Sanitari Regionali di Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Marche, di cui quasi 64 mila euro raccolti tra i dipendenti.

“Insieme si possono raggiungere risultati concreti. Con questa iniziativa in collaborazione con Caritas Italiana, abbiamo voluto dare un contributo concreto a chi si trova in maggiore difficoltà, aggravata anche dall’emergenza sanitaria – commenta Stefano Quaglino, amministratore delegato di Blue Meta -. Il successo dell’iniziativa dimostra come insieme e grazie a una scelta solidale e sostenibile dei nostri clienti, si possano raggiungere risultati molto concreti per il territorio”.

“In un periodo in cui le conseguenze sociali del Covid19 stanno sempre più allargando i confini della povertà e della vulnerabilità, l’iniziativa del Gruppo Hera ha permesso di alimentare la concretezza della carità – dichiara il Direttore di Caritas Italiana don Francesco Soddufornendo attraverso le Caritas di Veneto, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Lombardia e Puglia – aiuti alimentari a molte famiglie in difficoltà”.

leggi anche
  • La tragedia
    Travolge e uccide una bimba di 9 anni, poi fugge: caccia al pirata nel Bresciano
    Polizia sera nostra
  • A 91 anni
    Musica in lutto, è morto Ennio Morricone: ha composto per i più grandi del cinema
    Morricone al Mediolanum Forum
  • Acli
    Molte Fedi: a settembre arriva Simone Cristicchi
    Simone Cristicchi
  • Il riconoscimento
    “La Pettegola” è tra i migliori packaging al mondo
    La Pettegola
  • L'iniziativa
    Blue Meta, con “Insieme per Caritas” oltre 1.400 pasti per le persone in difficoltà
    Blue Meta, con “Insieme per Caritas”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it