Non c'è pace per agricoltura e pascoli: forte grandinata all'alpeggio Cancervo - BergamoNews
Venerdì pomeriggio

Non c’è pace per agricoltura e pascoli: forte grandinata all’alpeggio Cancervo

A cavallo tra San Giovanni Bianco e Taleggio, a 1.600 metri di quota: il ghiaccio ha schiacciato l'erba rendendo impossibile il pascolo dei bovini.

Ancora danni per il maltempo nella Bergamasca. Venerdì nel tardo pomeriggio una forte grandinata ha colpito l’alpeggio Cancervo, situato a circa 1600 metri in Valle Brembana, a cavallo tra i comuni di Taleggio e San Giovanni Bianco.

Nel giro di poco tempo i chicchi di grandine hanno formato una spessa coltre di ghiaccio, schiacciando l’erba e rendendo impossibile il pascolo dei bovini dell’azienda Vigorelli Camilla di San Giovanni Bianco.

grandine alpeggio val brembana

“Una grandinata di simili proporzioni in questo periodo – sottolinea Coldiretti Bergamo – è abbastanza anomala. Ora bisogna aspettare che si sciolga il ghiaccio per verificare lo stato del foraggio, indispensabile per l’alimentazione del bestiame durante il periodo estivo. Questi episodi che colpiscono in modo improvviso confermano i cambiamenti del clima che si avvertono anche in Italia, dove la primavera 2020 è stata la nona più bollente dal 1800 secondo Isac Cnr, che ha rilevato una temperatura superiore di 0,84 gradi la media”.

“L’agricoltura – conclude Coldiretti Bergamo – è l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici con sfasamenti stagionali ed eventi estremi che hanno causato una perdita in Italia di oltre 14 miliardi di euro nel corso del decennio”.

leggi anche
  • L'osservatorio
    Agroalimentare, un bergamasco su cinque fa la spesa dal produttore
    prodotti biologici
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it