BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Regista, assist-man, leader: per il Papu Gomez un’altra partita straordinaria

Più informazioni su

GOLLINI 6,5: Diventa decisivo e reattivo al 38’ quando si trasforma in un libero vecchia maniera con una uscita di testa a chiudere l’area. Poi un paio di telefonate amichevoli di Mertens che non preoccupano, fino a scherzare con un errore grave con un passaggio a Milik che non vale per l’aiuto della Var. Mezzo voto in meno. Non lasci spazi.

TOLOI 7: Non è Pippo Inzaghi dei tempi. Al 40’ gli sbatte la palla sulla testa a un metro dal tap-in senza la fortuna che assisteva Pippo bomber. Ma annulla Insigne, contiene Lozano che entra fresco e diventa decisivo nell’assist per il raddoppio di Gosens.

SUTALO (Dal 43’ st) S.V.: Esordio a tutela del giallo preso da Toloi.

CALDARA 6,5: Doveva fugare i dubbi sul suo completo recupero fisico soprattutto di livello di prestazioni. Fermo restando che i due anni di assenze per noti infortuni, a Torino prima e a Milano poi, non lo hanno aiutato. A Bergamo c’è chi lo ha lanciato, quel 2 ottobre 2016, proprio contro il Napoli, una svolta per Gasperini che continua a credere in lui. Finito il tempo delle mele.

PALOMINO (Dal 26’ st) 6: Entra su Milik, che con lui non la prende più.

DIJMSITI 6: Dopo Udine era atteso ad una prova di nuovo convincente. Non rischia mai.

HATEBOER (Dal 40’ st) 6: Entra per spegnere le velleità di Lozano. Ci riesce.

CASTAGNE 7: Passaggio suicida al 32’ che per sua fortuna il Napoli non sfrutta per la ripartenza. Nella ripresa torna uomo mercato e chi lo ferma più: decisivo in entrambe le azioni che portano ai gol.

FREULER 7: Duella con Fabian Ruiz. Tanta corsa accompagnata da grande qualità. Metà campo blindata.

DE ROON 7: Tiene la posizione bassa a destra. Più difensore che incursore, non rischia mai di scoprire la squadra.

GOSENS 7: La notorietà e i gol non fanno bene. Di Lorenzo alza le barricate e chiude l’abituale autostrada per tutto il primo tempo. Il tedesco recupera il telepass nei secondi 45’ e di nuovo si libera l’autostrada che porta all’ennesima segnatura. Imprendibile: nove gol che arricchiscono il suo curriculum.

PASALIC 6,5: Dovrebbe aiutare Zapata, fatica a trovare tempi e posizione, poi i mocassini rossi richiamano l’assist sublime del Papu che accompagna in rete di testa. Dal gol nasce una nuova partita che lo vede protagonista.

GOMEZ 7,5: È quello che tenta la via del gol con ripetuti tentativi. Al 16’ con un sinistro sul secondo palo dove trova solo un corner. Al 24’ su punizione dal limite costringe l’uscita in barella a Ospina. Il migliore, decisivo soprattutto nel secondo tempo con l’assist a Pasalic e al salvataggio da difensore quando serve. Grande capitano.

ZAPATA 6,5: Forza, fisico, protezione della palla che costringono Maksimovic a ripetuti falli tollerati da Doveri. Quando serve rientra per aiutare a difendere.

 

GASPERINI 8: Festeggiare le 400 panchine in A e non sentirle. Torna dopo il turno di squalifica e trova Doveri, quello che al Var di Fiorentina-Atalanta non vide Chiesa nei panni di cascamorto. Bravo a fare la guerra quando non riesce a trovare la pace, diventa il suo motto. Gattuso prende troppe scuse e tralascia i meriti di Gasperini e dell’Atalanta.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.