BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bonus vacanze, per ora mille strutture hanno aderito in Italia: ecco come trovarle

Federalberghi ha messo a disposizione un portale sul quale è possibile effettuare una semplice ricerca in base al periodo e alla località desiderata.

Più informazioni su

È entrato in vigore mercoledì 1 luglio il cosiddetto bonus vacanze, uno dei provvedimenti del Decreto Rilancio pensati per ravvivare i consumi e supportare le famiglie in difficoltà economica post lockdown.

Una possibilità sulla quale già moltissimi italiani hanno cercato informazioni online, dalle modalità per ottenere il voucher a quelle di utilizzo.

E la caccia, ben presto, si è indirizzata sulle strutture che hanno deciso di sposare l’iniziativa del Governo e dunque di accettare questa tipologia di pagamento.

Una ricerca che, al termine di una procedura già piuttosto articolata per l’emissione del buono, in molti casi si è rivelata più complicata del previsto.

Così Federalberghi ha deciso di mettere a disposizione degli italiani il portale bonusvacanze.italyhotels.it, dove un semplice form da compilare permette agli utenti di accedere alla lista delle strutture ricettive aderenti al bonus vacanze.

Al momento sono oltre mille quelle che si sono registrate, ma l’elenco non è esaustivo e la situazione è in continua evoluzione: non tutti coloro che hanno deciso di accettare i voucher, infatti, hanno inserito la struttura sul sito e, dunque, prima di escludere a priori un albergo è sempre meglio fare una doppia verifica contattandolo direttamente.

Le operazioni sul portale sono molto semplici e veloci: è sufficiente indicare il nome della struttura o della località scelta per le vacanze, il periodo, il numero di persone e di camere e provare a verificare la disponibilità. Ricerca che, per chi parte da zero e senza idee, consente anche di filtrare le strutture per tipologia: dagli alberghi con qualsiasi numero di stelle agli agriturismi, fino a b&b, residence, villaggi turistici e dimore storiche.

A frenare le adesioni, è la decisione di rimborsare gli albergatori con credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, o cedibile anche a istituti di credito: lo sconto fruibile dal cliente è pari all’80% del valore massimo dell’agevolazione attribuita oppure all’80% del corrispettivo dovuto, se quest’ultimo è inferiore all’importo massimo dell’agevolazione attribuita, ma fisicamente l’imprenditore non vede entrare denaro liquido nelle proprie casse.

A Bergamo, al momento, sono pochissime le strutture aderenti registrate sul portale: due a Castione della Presolana, una a testa per la città, Foppolo, San Pellegrino Terme, Costa Valle Imagna, Rota d’Imagna, Fuipiano Valle Imagna, Schilpario, Villa d’Almè e Boltiere.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.