Quantcast
Inquinamento, i dati durante il lockdown dicono che il traffico non è la prima causa - BergamoNews
In lombardia

Inquinamento, i dati durante il lockdown dicono che il traffico non è la prima causa

L'assessore regionale all'Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo: "Le concentrazioni di Pm10 seguono prevalentemente fattori meteorologici".

Sono stati pubblicati martedì 30 giugno i risultati aggiornati al mese di aprile dello studio di ARPA Lombardia sulla variazione delle emissioni dei principali inquinanti dovuta ai provvedimenti anti COVID-19 sul territorio regionale.

“I dati – ha commentato l’assessore regionale all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo confermano quanto abbiamo già sostenuto: a fronte di una diminuzione del traffico che va oltre il 65% c’è stata una riduzione media delle emissioni, seppur maggiore rispetto al mese precedente, che si attesta fino al 44% per NOX, al 20% per PM10 primario e al 32% per la CO2″.

FATTORE METEOROLOGICO“Si conferma – ha proseguito l’assessore – anche in questo aggiornamento dei dati come il traffico non sia la principale causa dell’inquinamento. E come le concentrazioni di Pm10 seguano prevalentemente i fattori meteorologici. L’azione di contrasto all’inquinamento dell’aria non si deve concentrare solo sulla mobilità, ma anche su politiche multisettoriali che agiscano su fattori che sono causa maggiore delle emissioni inquinanti: dal riscaldamento a biomasse, alle emissioni provenienti dagli spandimenti in agricoltura”.

ZONE DIFFERENZIATE“Inoltre, questa seconda analisi – ha spiegato Cattaneo – è stata differenziata per zone all’interno della Lombardia. Nell’agglomerato di Milano, quello con la maggiore urbanizzazione e la maggiore pressione da parte del settore trasporti, le riduzioni stimate arrivano fino al 60% per gli NOX e fino al 40% per il PM10 primario. Negli agglomerati di Brescia e Bergamo le riduzioni stimate arrivano fino al 50/55% per gli NOX e fino al 35% per il PM10 primario”.

“Nelle aree particolarmente urbanizzate – ha specificato l’assessore – il dato della riduzione degli inquinanti è comunque meno che proporzionale se rapportato all’elevatissima riduzione dei flussi del traffico”.

AVANTI TUTTA“Proseguiamo dunque con le politiche volte al rinnovo dei veicoli più inquinati, concentrandosi su quelli a basse emissioni, sia inquinanti sia climalteranti. Per questo motivo – ha concluso – chiediamo con forza al Governo di trasferire i 12 milioni di euro che la Lombardia sta aspettando per gli interventi destinati alla qualità dell’aria”.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
Più informazioni
leggi anche
Medico di base
Bergamo
Ats rimuove neo direttore, forte protesta dei medici di famiglia: lasciamo i tavoli Covid
visite ospedale
In lombardia
Il pacchetto sanità della Fase 3: “Esami e visite gratis per chi ha avuto il Covid”
Generico
La lettera
“Ciclisti, moto, skiroll: col sole la Nembro-Selvino è uno slalom per gli automobilisti”
auto inquina
Analisi di facile.it
Auto: a Bergamo e provincia 38.889 sono Euro 0
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI