Soccorso Alpino, domenica di super lavoro: quattro persone salvate in montagna - BergamoNews
Il bilancio

Soccorso Alpino, domenica di super lavoro: quattro persone salvate in montagna

Quattro gli interventi di domenica 28 giugno, in poche ore, sulle montagne bergamasche

Giornata impegnativa per la VI Delegazione Orobica del Soccorso alpino. Quattro gli interventi di domenica 28 giugno, in poche ore, sulle montagne bergamasche.

Il primo a Cusio, in Val Brembana, a 1338 metri di quota, per soccorrere una escursionista caduta sul sentiero verso il rifugio Benigni. Ha riportato un trauma al braccio e quindi è stata portata in ospedale con l’elicottero per accertamenti.

A Castione della Presolana allertamento per un alpinista precipitato per una decina di metri sulla via Bramani Ratti, parete Sud della Presolana. Si è fatto male a una caviglia e aveva bisogno di aiuto. Un tecnico del Cnsas si trovava già in zona e quindi è arrivato subito sul posto, per una prima assistenza. Poi è giunto l’elisoccorso, che ha recuperato l’uomo e lo ha trasportato in ospedale.

A Rovetta, in località Moescel, una ragazza è scivolata dentro una buca – una marmitta dei giganti, formazione di origine glaciale – e si è procurata alcuni traumi. Il Soccorso alpino è intervenuto con le squadre reperibili, l’intervento si è concluso con il trasporto in elicottero all’ospedale.

Nel comune di Oltre il Colle, parete Nord del Pizzo Arera, un uomo ha riportato un trauma cranico. Due tecnici sono stati imbarcati dall’elicottero di AREU (Azienda regionale emergenza urgenza). L’infortunato è stato rintracciato, valutato, recuperato e trasportato in ospedale.

Più informazioni
leggi anche
  • Quasi un anno dopo
    Travolse con il furgone un motorino e poi fuggì: scovato e denunciato
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it