BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, a Udine non è stata una passeggiata: decisive le scelte di Gasperini fotogallery

Una vittoria che ha il profumo del caffè de Colombia

Una vittoria che ha il profumo del caffè de Colombia. Apre Zapata, la mette al sicuro Muriel con due capolavori, il primo su punizione (da quanto non si vedeva un calcio piazzato così bello da un atalantino?), il secondo con un missile rasoterra che lascia di stucco il portiere. E poi il numero 9 va ad abbracciare il Gasp, che l’aveva tenuto in panchina ma è anche il suo primo sostenitore come risolutore entrando dalla panchina.

Se vogliamo guardare alle leggi del calcio, la firma dei tre punti viene dai due ex di giornata e avercene, due attaccanti come Zapata e Muriel, che nel secondo tempo giocano insieme e ‘tirano matti’ i difensori bianconeri: Duvan bravissimo a far salire la squadra, Luis micidiale con le sue giocate e conclusioni. Senza dimenticare il gol gioiello in apertura, con un assist al bacio di Gomez, stop e rete di Zapata.

Tutto facile? Per niente. Il primo tempo, sara colpa anche delle maglie verdi indossate dai Gaspboys, sembra un allenamento. L’Atalanta va in gol presto e poi continua con andamento un po’ troppo lento, non trovando sbocchi con l’Udinese rintanato nella propria metà campo. Così al primo vero contropiede in velocità Lasagna salta Djimsiti e pareggia.

Gasp rimescola le carte nel secondo tempo, Malinovskyi bene al tiro ma meno per qualche palla persa, errori ripetuti anche da Pasalic che come l’ucraino viene sostituito.

Cambia però anche il ritmo e Gomez con Freuler che non perde un pallone suonano la carica. Il tandem Zapata-Muriel è devastante, il Papu si procura la punizione e poi offre anche l’assist per il terzo gol.

Finale un po’ in sofferenza, in qualche modo Toloi e compagni riescono a bloccare i contropiede friulani. Non sempre si può stravincere, ma è comunque straordinaria la sesta vittoria consecutiva in campionato, i tre punti guadagnati sulla Roma, i tre gol segnati, uno più bello dell’altro. Resta il tallone d’Achille dei due gol subiti in contropiede e non sono certo una novità, quando la squadra va avanti tutta e viene infilata in velocità. Qualche difetto ci deve pur essere (e si può pure correggere o limare) in una squadra che dà spettacolo anche quando soffre. E fa valere la propria qualità e forza per vincere e volare sempre in zona Champions. Cosa volete di più?

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.