Il Comune di Sorisole perde un assessore: polemica - BergamoNews
Hinterland

Il Comune di Sorisole perde un assessore: polemica

Massimo Baggi, titolare dell'edilizia, annuncia le dimissioni: "Non mi è permesso nemmeno proporre delibere". Il sindaco Vivi: "Troppe assenze, avrebbe dovuto lasciare prima"

“Non trovo più soddisfazione nell’affrontare il ruolo di assessore, visto la palese volontà della giunta di non facilitare la mia presenza, come evidenziato più volte al sindaco e al segretario”. Con queste parole Massimo Baggi, assessore all’edilizia del Comune di Sorisole, annuncia le sue dimissioni.

“Da quasi due anni ormai non mi è permesso proporre neppure le delibere che mi spettano dalle stesse deleghe che il sindaco mi ha conferito. Speravo che con la seduta di giunta telematica la situazione potesse migliorare, invece è stato anche peggio perché vengo chiamato in videoconferenza senza preavviso, e come è facilmente intuibile, non mi è sempre possibile rispondere, sia per lavoro che per impedimenti personali. La decisione è sofferta, ma non può essere rimandata”.

Manterrà invece il suo ruolo di consigliere, “perché l’ impegno preso con gli elettori che mi hanno voluto presente in consiglio comunale deve essere portato a termine”, conclude Baggi.

La replica

Il sindaco Stefano Vivi (Lega) commenta così la scelta di Baggi: “L’assessore dimissionario ha totalizzato un 85% circa di assenze alle giunte nel 2019 e un 70% nel 2018. È evidente che, per serietà, le dimissioni avrebbe dovuto rassegnarle molto prima. Se non gli sono state revocate le deleghe è stato solo per rispetto verso gli alleati di Forza Italia, e grazie al fatto che un altro assessore ed un consigliere comunale si sono impegnati per oltre due anni per sopperire alla mancanza”.

leggi anche
  • Verso il voto
    Sorisole, dura lettera di dimissioni di Daniele Baggi segretario di Forza Italia
    Daniele Baggi Forza Italia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it