Verdellino, una serra di cannabis in casa: denunciato - BergamoNews
Carabinieri

Verdellino, una serra di cannabis in casa: denunciato

G.S., pregiudicato 61enne del paese, all’interno della propria abitazione aveva allestito una vera e propria serra con 17 piante di cannabis

Una lotta incessante per limitare il consumo di sostanze stupefacenti è quello che, da sempre, richiede un costante monitoraggio del fenomeno da parte dei Comandi Arma dei Carabinieri presenti su tutto il territorio bergamasco.

A seguito di diverse segnalazioni e poi la perquisizione è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria dai carabinieri di Zingonia è G.S., pregiudicato 61enne di Verdellino che all’interno della propria abitazione aveva allestito una vera e propria serra con 17 piante di cannabis.

Alcune piante avevano raggiunto un’altezza di oltre un metro e mezzo.
Oltre alle piante rinvenute i carabinieri hanno sequestrato il materiale per la coltivazione, diversi semi in barattolo ed altro stupefacente già rimosso dalla pianta e pronto ad essere consumato. Tutto posto in sequestro ed assunto in carico in attesa di essere sottoposto alle analisi quali-quantitative presso il laboratorio analisi dell’Asl bergamasca e il cui esito diverrà indispensabile in fase processuale.

leggi anche
  • Le minacce
    Due proiettili alla sede Confindustria Bergamo per Marco Bonometti: ora è sotto scorta
    Marco Bonometti
  • Palazzo frizzoni
    Comune di Bergamo, bilancio consuntivo 2019: grande recupero dell’evasione fiscale
    Bergamo, Palazzo Frizzoni
  • La chiusura
    Scanzorosciate, chiude lo storico market di Tribulina: “Tanti sono i ricordi quanto la bellezza”
    Market famiglia Pezzotta
  • Il piano
    Pedrengo, rubano bici da mille euro: nei guai due minorenni della zona
    Generico giugno 2020
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it