Il Conservatorio perde la sua guida: è morto Claudio Pelis - BergamoNews
Il lutto

Il Conservatorio perde la sua guida: è morto Claudio Pelis

Aveva 73 anni. I funerali si svolgeranno sabato 27 giugno alle 11 nella chiesa parrocchiale di Aviatico.

Guida del conservatorio ed ex assessore, è morto a 73 anni il professor Claudio Pelis, dal 2014 presidente dell’Istituto superiore di studi musicali Gaetano Donizetti.

Pelis ricoprì l’incarico di assessore alla Cultura del Comune di Bergamo dal 1980 al 1985 nella giunta del sindaco Giorgio Zaccarelli.

Dal 2003 fino ad oggi era stato membro del Consiglio d’Amministrazione della Mia, Fondazione Misericordia Maggiore, ente proprietario e gestore del Monastero di Astino che proprio in questi anni è tornato all’antico splendore dopo un ambizioso progetto di restauro di cui era fervido sostenitore.

I funerali si svolgeranno sabato 27 giugno alle 11 nella chiesa parrocchiale di Aviatico.

leggi anche
  • L'azienda
    Igienizzare le superfici: quali prodotti utilizzare
  • Verso il mondo del lavoro
    Sofia: “La mia vita da neolaureata disabile: mi sento come se stessi procedendo alla cieca”
  • L'approfondimento
    L’Atalanta può permettersi di lasciare in panchina questo Malinovskyi?
  • La lettera
    “Io, docente tra incertezze e dubbi: voglio solo essere trattata da professionista”
  • La nomina
    Michele Guadalupi è il nuovo presidente del Conservatorio di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it