Scontri prima del match con l'Atalanta: Daspo per altri 15 tifosi della Fiorentina - BergamoNews
I provvedimenti

Scontri prima del match con l’Atalanta: Daspo per altri 15 tifosi della Fiorentina

Per i fatti del 25 aprile 2019 erano già stati deferiti 25 supporter viola: Daspo anche per quattro tifosi nerazzurri, responsabili di lancio di oggetti durante le sfide a Roma e Genoa del febbraio scorso.

Altri quindici provvedimenti di Daspo (Divieto di Accedere alle manifestazioni Sportive) sono stati emessi dalla Questura di Bergamo nei confronti di altrettanti tifosi della Fiorentina in relazione agli scontri avvenuti all’esterno del Gewiss Stadium il 25 aprile 2019, in occasione della semifinale di ritorno di Coppa Italia.

Gli ultras viola sono stati identificati al termine di complesse attività di accertamento e indagine che hanno visto impegnati a vario titolo operatori dell’ufficio Digos e del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, con l’ausilio anche dei colleghi di Firenze.

Per i violenti tafferugli ingaggiati dalla tifoseria toscana con la polizia erano già stati segnalati 25 ultras.

Ulteriori provvedimenti di Daspo sono stati emessi nei confronti di quattro tifosi atalantini, tre per il lancio di oggetti in campo durante Atalanta-Roma del 15 febbraio e il restante per il medesimo motivo nel match contro il Genoa del 2 febbraio.

L’occhio della Questura si è posato anche sulla sfida di Serie D girone B Brusaporto-Dro Alto Garda: quattro i Daspo a carico di tifosi del Seregno che in quella circostanza erano arrivati a Bergamo per supportare la tifoseria ospite.

Più informazioni
leggi anche
  • L'intervista
    “Roma e Napoli? Quest’anno l’Atalanta e la Champions le vedono solo col binocolo”
  • Daniele belotti
    Partite a porte chiuse: “Tutelate gli agenti esonerando i daspati dall’obbligo di firma”
  • Procura
    Scontri Atalanta-Fiorentina, richiesta di rinvio a giudizio e daspo per 24 tifosi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it