Alberghiero di Nembro, la maturità ai tempi del Covid - BergamoNews
L'esame

Alberghiero di Nembro, la maturità ai tempi del Covid

Videolezioni e incertezza sull’esame, ma poi tutto è andato per il meglio. Il racconto di una giovane maturanda direttamente dall’istituto alberghiero Sonzogni di Nembro.

Sono Alessia Rota, una ragazza di 18 anni, neo-diplomata all’Istituto alberghiero Sonzogni di Nembro.

Io e tanti miei coetanei quest’anno abbiamo sostenuto l’esame di maturità, un traguardo importante, che, ognuno a modo proprio, ha cercato di affrontare al meglio.

Venerdì 21 febbraio 2020 è stato il nostro ultimo giorno di scuola in presenza, poi il Covid-19 ha deciso di ribaltare tutti i nostri buoni propositi, costringendoci a cambiare le nostre abitudini.

Tra videolezioni, compiti a casa e videochiamate con i compagni per studiare, siamo riusciti a portare a termine l’anno scolastico, comunque con qualche difficoltà.

Le videolezioni sono state una buona alternativa a quelle tradizionali, in tutto ciò quello che mi è più mancato è stato il rapporto umano a cui eravamo abituati.

Poter condividere le nostre emozioni con compagni, professori e amici solo online, non mi è stato d’aiuto a combattere l’ansia pre-esame, questo legato anche al fatto che fino all’ultimo non avevamo notizie certe sullo svolgimento della prova.

Ho sempre sognato di concludere il mio ciclo di studi diversamente, ma nonostante ciò posso ritenermi soddisfatta del traguardo raggiunto.

Non poter vedere i sorrisi incoraggianti dei professori, perché nascosti da mascherine, il distanziamento (necessario) e altre misure di sicurezza come non potersi abbracciare o anche solo stringersi la mano ha creato un’atmosfera “quasi surreale” .

Le paure erano tante, quella che dominava però era il non poter svolgere l’esame in presenza, visto che, la nostra scuola si trova nel territorio più colpito da coronavirus, togliendo così quel minimo di contatto umano.

Vista la situazione tutti i progetti fatti finora hanno subito uno stop, ma sono pronta a reagire e portare a termine ciò che mi ero prefissata.

Senza ombra di dubbio, la cosa che più mi è mancato e più mi mancherà, sarà non aver potuto condividere tutte le emozioni pre-esame con i mie compagni, e non aver passato l’ultimo giorno di scuola insieme.

leggi anche
  • Solidarietà
    ‘Nember United’, una t-shirt per aiutare i bimbi disabili del centro diurno
    Roby Facchinetti e Vava Nember
  • Valseriana
    Covid, al Cre di Nembro un bimbo positivo: “Attivate le procedure di sicurezza”
    tampone antivirus
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it