Lovere, parcheggi selvaggi davanti all'uscita dell'ambulanza: "Vi denunciamo" - BergamoNews
Sui social

Lovere, parcheggi selvaggi davanti all’uscita dell’ambulanza: “Vi denunciamo”

La protesta degli operatori: "È interruzione di pubblico servizio"

La denuncia è arrivata direttamente dagli operatori della Croce Blu di Lovere, che hanno deciso di pubblicare le foto delle auto parcheggiate selvaggiamente (è proprio il caso di dirlo) nei pressi della sbarra che delimita l’uscita dei mezzi di soccorso.

“Se qualche vostro caro sta male e ha bisogno dell’ambulanza e questa non arriva potrebbe essere perché (più di) qualche incivile ha deciso di parcheggiare davanti alla nostra uscita proprio sotto ad un cartello con scritto ‘uscita mezzi di soccorso’ per andare a giocare al Bingo e fare 50 metri a piedi risulta troppo faticoso – hanno scritto dalla Croce Blu -. Tutte le sere la stessa storia. Ora i mezzi di soccorso partono da lì e il passaggio deve essere lasciato completamente libero”.

“Sono stati già avvisati i vigili, i carabinieri (che sono già intervenuti) che pattuglieranno la zona e chiameremo ogni volta – continua il post -. Oltre a una multa per divieto di sosta (e sulle strisce pedonali) se il caso sporgeremo denuncia per interruzione di pubblico servizio e se a causa di questo il paziente che ci sta aspettando dovesse riportare dei danni si risponderà penalmente delle conseguenze”.

Le foto pubblicate dalla Croce Blu di Lovere
leggi anche
  • Val seriana
    Colzate, in fiamme cassone e compattatore all’isola ecologica
  • Lovere
    Tornata all’Accademia Tadini la “Madonna con il Bambino” di Bellini
  • Magia del lago
    Lovere e Solto Collina diventano set per una serie tv tedesca di Sky
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it