Quantcast
Torna a vivere grazie a due giovani il "Porto di Clanezzo": aiutiamoli - BergamoNews
Raccolta fondi

Torna a vivere grazie a due giovani il “Porto di Clanezzo”: aiutiamoli

Due ragazzi di 30 e 28 anni, Lorenzo Filippini, ingegnere di Sorisole, e Davide Baggi, perito elettronico di Ponteranica, hanno l'onore e l'onere di riportarlo ai fasti d'un tempo, ma le spese sono molte e indubbiamente alte.

Il “Porto di Clanezzo” sta finalmente per essere recuperato.

Due ragazzi di 30 e 28 anni, Lorenzo Filippini, ingegnere di Sorisole, e Davide Baggi, perito elettronico di Ponteranica, hanno l’onore e l’onere di riportarlo ai fasti d’un tempo, ma le spese sono molte e indubbiamente alte.

I lavori sono iniziati e poi sospesi per la pandemia: per ora l’edificio verrà completamente recuperato esternamente/internamente e gli affreschi verranno consolidati e messi in sicurezza. Ma il desiderio e l’obiettivo finale è poterli restaurare completamente

È per questo che chiedono un aiuto attraverso un’apposita pagina Facebook: raccolta fondi per restaurare gli affreschi del Porto di Clanezzo. Una piccola donazione può fare la differenza e permettere di restaurarli subito, mentre il cantiere è attivo.

Cosa offrono in cambio della tua gentilezza?

Una volta concluso il cantiere, ti accompagneranno in un tour storico, raccontandoti tutti i segreti non solo del Porto ma anche di tutto il borgo storico di Clanezzo.

“Una piccola donazione – spiegano Lorenzo e Davide – ci aiuterà a raggiungere l’obiettivo più alto, quello di poter donare alla collettività una perla di rara bellezza, persa nel tempo”.

porto clanezzo

Cos’è il Porto di Clanezzo

Al porto, nel paese di Ubiale Clanezzo, attraccava il traghetto che faceva la spola tra le due rive del Fiume Brembo trasportando merci e persone. Un tempo, infatti, si sfruttava il corso del fiume per raggiungere i paesi lungo le rive; tuttavia, il traffico commerciale transitava principalmente sulla sponda sinistra. Per questo, per collegare le due rive, si pensò di utilizzare un traghetto. Qui c’è la piccola casetta arroccata sul Brembo, una volta dimora di un umile barcaiolo, disabitata dalla fine del ‘900.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Borgo di Clanezzo
Bergamo segreta
Borgo di Clanezzo: un ritorno al passato fra lotte medievali e serpi velenose
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI