BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In acqua per salvare la figlia, travolto dalla corrente improvvisa: così è morto Angelo

Il corpo di Angelo Belluscio, 47 anni, è stato recuperato domenica all'alba: stava tentando di portare in salvo la figlia, ma è stato travolto anche lui dall'impeto della corrente.

Più informazioni su

Le grida della figlia, il tuffo istintivo e disperato in acqua, la corrente che improvvisamente si fa più forte: attimi concitati che hanno visto Angelo Belluscio, 47enne di Calusco d’Adda, essere trascinato via dall’impeto del fiume Adda nel pomeriggio di sabato 20 giugno.

Papà e figlia si trovavano sulle sponde del fiume, nella zona di Cornate d’Adda, al confine con l’Isola Bergamasca: improvvisamente la bimba, 9 anni, è scomparsa sotto il livello dell’acqua e il padre non ci ha pensato due volte a tuffarsi per recuperarla.

Il 47enne, gruista alla Vitali Spa, è stato però a sua volta travolto da un’improvvisa corrente: le sue grida di aiuto hanno attirato l’attenzione di un pescatore che si trovava poco distante dal luogo dell’incidente, anche lui prontissimo a gettarsi in acqua per tentare un disperato salvataggio.

L’uomo, di origine romena, è riuscito ad afferrare la piccola, prenderla in braccio e portarla a riva in salvo: poi è tornato in acqua, convinto di poter fare lo stesso anche con il padre che nel frattempo, però, era già stato trascinato via dalla corrente.

Inutili i suoi molteplici tentativi di immersione, continuati fino all’arrivo dei soccorritori: sul posto un’ambulanza, un’automedica, l’elisoccorso del 118 di Bergamo e quello dei vigili del fuoco di Malpensa, i carabinieri e una squadra di vigili del fuoco di Monza.

La piccola, curata subito sul posto, è stata trovata in buone condizioni e non si è reso necessario nemmeno il trasporto in ospedale.

Le ricerche di Angelo Belluscio sono invece proseguite fino alla tarda serata di sabato, poi sospese e riprese domenica mattina all’alba: sono stati i sommozzatori dei vigili del fuoco di Milano a trovare il suo corpo senza vita attorno alle 6.30.

Ai carabinieri di Trezzo sull’Adda e Vimercate, ora, l’arduo compito di ricostruire quanto successo sabato pomeriggio, in quei concitatissimi attimi che hanno portato all’annegamento di Belluscio.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.