Quantcast
Cologno al Serio, la lettera del parroco ai fedeli: "Ho il cancro, pregate per me" - BergamoNews
Bassa

Cologno al Serio, la lettera del parroco ai fedeli: “Ho il cancro, pregate per me”

Don Davide Rota Conti ha letto ai credenti del paese le parole del sacerdote: "Spero di affrontare con la fede questo momento"

È sotto shock la comunità di Cologno al Serio: don Emilio Zanoli ha pubblicamente annunciato di essere malato. “Mi hanno diagnosticato un tumore al pancreas, a breve avrò un colloquio a Milano dove mi diranno cosa fare e come procedere” ha spiegato con una lettera rivolta ai fedeli del paese, letta al termine della messa di domenica 21 giugno da don Carlo Rota Conti.

“In questo momento – ha scritto don Emilio nella lettera – non posso seguire i compiti che mi avevano assegnato, per questo il Vescovo ha nominato un amministratore parrocchiale che mi sostituirà in tutte le funzioni di parroco. Resterò comunque nella casa parrocchiale di Cologno al Serio”.

“Grazie per l’affetto e per le preghiere con cui mi state accompagnando in questo periodo difficile della mia vita – ha continuato la lettera -. Vi abbiamo detto che noi preti siamo peccatori e abbiamo bisogno di perdono e misericordia. In questo periodo sto sperimentando di essere umano come tutti: un conto è accompagnare chi soffre, un conto è sperimentare sulla propria pelle la malattia. Continuate a pregare per me, perché sappia vivere con fede questo momento. Io pregherò per voi e per i tanti fratelli e le tante sorelle della comunità che hanno affrontato o stanno ancora affrontando il travaglio della malattia”.

Don Emilio Zanoli, classe 1950, è originario di Osio Sotto. Dal 2010 è parroco di Cologno al Serio.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it