Sulle sponde dello storico fiume di Bergamo: ma si dice il Morla o la Morla? - BergamoNews
La spedizione

Sulle sponde dello storico fiume di Bergamo: ma si dice il Morla o la Morla?

L'architetto Nicola Eynard ci accompagna nuovamente alla scoperta dei luoghi più significativi della città: questa volta l'esplorazione si avventura fino alle fonti di "un corso d'acqua a torto dimenticato".

Il Morla o la Morla? 

Parte da questo interrogativo il nuovo viaggio dell’architetto Nicola Eynard tra i luoghi storici della città di Bergamo che, in questa puntata, ci accompagna sulle sponde di “un corso d’acqua a torto dimenticato”.

Otto dei suoi quattordici chilometri si sviluppano in città, lambendo anche il centro: risalendo il fiume si entra invece nel parco agricolo del Rio Morla e delle rogge.

In città il Morla gioca a nascondino: appare qua e là, poi scompare sotto l’asfalto.

Ma il paesaggio si trasforma quando inizia a costeggiare l’ormai famosa Greenway, ai piedi del colle di Bergamo: si entra nel territorio comunale di Ponteranica, poi ci si inerpica verso Sorisole dove inizia l’avventurosa ricerca delle fonti.

Più informazioni
leggi anche
  • Guarda
    La Bergamo di una volta: alla scoperta delle Muraine che proteggevano la città
    eynard
  • Guarda
    La Bergamo di una volta: alla scoperta delle Muraine che proteggevano la città
    eynard
  • I video dell'architetto
    Visita guidata alla città con gli occhi degli scrittori del passato: si parte da Buzzati
    Bergamo Eynard
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it