BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Omicidio di Gorlago, Chiara dopo la condanna: “Non sono degna di vivere”

"Non passa giorno che non voglia tornare a quel pomeriggio, come in quel film che si torna indietro per cambiare il corso degli eventi"

Più informazioni su

Dopo la condanna a 30 anni per l’omicidio a Gorlago di Stefania Crotti, colei che considerava una rivale in amore nel suo rapporto con Stefano Del Bello, Chiara Alessandri ha scritto una lettera alla madre Clara per scusarsi e per cercare di spiegare il suo gesto. Il testo è stato diffuso dalla trasmissione Iceberg di Telelombardia:  

“Lei è morta, io sto in galera e tutti voi altri soffrite e ne fate le spese: tu, sua mamma, suo papà, i miei bimbi, la sua bimba, e tutti quelli che ci volevano bene. Di me poco m’importa, gli errori si pagano ed è giusto cosi’: ma voi non avete colpe, tanto meno i bambini.

Non passa giorno che non voglia tornare a quel pomeriggio, come in quel film che si torna indietro per cambiare il corso degli eventi e avrei potuto evitare di farla venire a casa, o non reagire, o quanto meno chiamare qualcuno, restare lucida e fare la cosa giusta.

Il cervello è andato in panne, facevo le cose come in trance e quando sabato all’alba è suonato il campanello ho capito subito e anche se impaurita mi sentivo in qualche modo anche sollevata.

Mi vedrò sempre come mi vedono tutti gli altri – tranne te e gli zii, e spero i miei bimbi – mi vedrò sempre come colei che ha causato la morte di un essere umano, e quindi non degna di continuare a vivere, se lei ha perso la sua vita. Non ho brutti pensieri – come dicono qui – non temere mamma, ho tutta l’intenzione di pagare con la mia condanna, anche se questo non riporterà la Stefania né dalla sua bimba né dalla sua mamma.

Tu sei più pulita di me e forse la tua preghiera e’ più efficace della mia: prega perché tutti loro sappiano andare avanti e che la sua anima non mi odi troppo, anche se quel giorno l’ho fatta venire da me: chissà, se è vero che l’anima non muore e che Cristo conosce il cuore e le intenzioni di ognuno, forse ho ancora speranza.

Ti abbraccio con tutto il mio amore, Chiara”

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.