Lutto nella letteratura

Muore a 55 anni Carlos Ruiz Zafón, l’autore de “L’ombra del vento”

Il romanziere di Barcellona è morto a causa di un tumore al colon.

Alzi la mano chi non ha letto L’Ombra del Vento. Il suo autore, Carlos Ruiz Zafón, è morto a soli 55 anni a Los Angeles.

Il romanziere di Barcellona è morto a causa di un tumore al colon. Aveva avuto i primi sintomi in un viaggio a Londra nel gennaio 2018 e voleva sottoporsi a cure negli Stati Uniti, dove risiedeva regolarmente. Poi la dura lotta con la malattia durata due anni.

Ruiz Zafón è stato uno degli autori più letti e ammirati in tutto il mondo nei primi due decenni del 21° secolo. Era stato consacrato a livello internazionale con “L’Ombra del vento”, pubblicato nel 2001, che è considerato il romanzo spagnolo più diffuso dopo Don Chisciotte.

L’ombra del vento, è stato il primo best seller spagnolo della sua generazione ad avere un successo commerciale mondiale, insieme alla Cattedrale del mare di Ildefonso Falcones. In questi vent’anni il libro ha venduto oltre otto milioni di copie nel mondo, oltre un milione soltanto in Italia. Dal romanzo è nata una quadrilogia, intitolata Il Cimitero dei libri dimenticati, che iniziata con L’ombra del vento è proseguita con Il gioco dell’angelo (2008), Il prigioniero del cielo (2012) e Il labirinto degli spiriti (2016), tutti editi da Mondadori e tradotti da Bruno Arpaia.

Le storie di Zafòn affrontano varie tematiche come la vita, la morte e l’amore, regalandoci storie che difficilmente ci toglieremo dalla mente o scorderemo. Le ambientazioni tra il misterioso, il thriller e il romantico ci danno l’idea di una Barcellona diversa dal solito, ricca di segreti e di ombre.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
sepulveda
Il ricordo
Addio Sepulveda, coi tuoi libri ho scoperto un mondo di formidabili passioni
sepulveda camicia
Il lutto
Coronavirus, è morto Luis Sepulveda: era ricoverato da inizio marzo
giulio giorello
Il ricordo
Addio a Giulio Giorello: “Un professore vero, a cui dire grazie”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI