La denuncia

Riapertura delle Rsa, la Cisl: “Basta rinvii, troppe famiglie in difficoltà in Lombardia”

Il segretario della categoria dei pensionati torna a chiedere risposte certe: "Continueremo a stare sul pezzo per cercare di fare ripartire l’ingresso degli ospiti e le visite dei parenti in sicurezza nelle Rsa, ma, in particolare, abbiamo il compito di aiutare le famiglie, di salvaguardare i posti di lavoro, di proteggere il personale che ha il diritto di lavorare in sicurezza".

“Continua lo scarico di responsabilità tra Regione e enti gestori delle Rsa in Lombardia, dove molte famiglie sono sotto pressione e in difficoltà. L’apertura è rimandata ‘sine die’ in ogni provincia: le regole e le misura per la sicurezza si scontrano con le difficoltà delle Società di gestione che hanno o stanno mettendo in cassa gli operatori per le difficoltà economiche intervenute per l’emergenza”: è la denuncia della Fnp Cisl Lombardia, ricordando come la categoria abbia da tempo aperto un confronto con la Regione e le Rsa per cercare di trovare la soluzione migliore che tenga conto soprattutto delle esigenze delle famiglie e delle necessità dei lavoratori.

“Continuiamo a ricevere mail e telefonate da parte di molti parenti di persone in lista di attesa, alcune di queste anche in condizioni di assoluta urgenza e necessità – dice Emilio Didonè, segretario generale dei pensionati Cisl regionali – Dalle Rsa ricevono risposte insufficienti e soprattutto non risolutive. D’altronde, si sono riversate sulle case di riposo una serie di misure da ottemperare per le quali servono risorse che oggi mancano, creando un circolo vizioso che si ripercuote su lavoratori e famiglie. Continueremo a stare sul pezzo per cercare di fare ripartire l’ingresso degli ospiti e le visite dei parenti in sicurezza nelle Rsa, ma, in particolare, abbiamo il compito di aiutare le famiglie, di salvaguardare i posti di lavoro, di proteggere il personale che ha il diritto di lavorare in sicurezza. Oggi siamo tutti più consapevoli di questa emergenza sanitaria e sociale, e ciascuno si deve assumere il proprio pezzo di responsabilità, compresi Enti erogatori, regione Lombardia, Ats lombarde, operatori e famiglie. Per quanto ci riguarda – conclude Didonè -, il sindacato pensionati è pronto a fare la sua parte se opportunamente coinvolto. Enti erogatori e regione Lombardia lo sanno da tempo”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
dati contagi giovedì 18 giugno
Regione
I dati sui contagi: a Bergamo 55 nuovi positivi, 0 a Lodi
RSA Martino Zanchi alzano
Bergamo e provincia
I sindacati ad Ats e Regione: “Le Rsa devono essere più integrate col territorio”
annamaria furlan
L'intervista
Furlan a Bergamo: “Ho tanta voglia di abbracciare gli attivisti Cisl impegnati nella pandemia”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI