Quantcast
Trasporti per scuola e turismo: la protesta scende in piazza a Milano - BergamoNews
Bus privati

Trasporti per scuola e turismo: la protesta scende in piazza a Milano

Chiedono la proroga della cassa in deroga, la possibilità di trasportare passeggeri a pieno carico come per gli aerei, lo slittamento dei mutui per il pagamento dei mezzi, la possibilità di recuperare le accise sul gasolio, oltre alla richiesta che i comuni onorino i contratti per i servizi di scuolabus e paghino le rate ora sospese.

Mattinata di protesta quella di mercoledì 17 giugno in piazza Castello a Milano. Questa volta a protestare sono le aziende di trasporti per la scuola e il turismo. In provincia di Bergamo sono settanta le imprese del settore che dà lavoro a circa 3 mila addetti.

Luca Sonzogni, titolare della Renato Autoservizi di Zogno, portavoce della categoria autobus turistici e gruppo scuolabus della provincia di Bergamo: “Protestiamo perché siamo una delle categorie più dimenticate da questa emergenza Coronavirus. Tutti sono stati aiutati economicamente per affrontare questa situazione, mentre noi stiamo ancora aspettando i compensi che i Comuni dovevano versarci. I nostri dipendenti sono senza cassa integrazione e di fronte a questa situazione non possiamo garantire di poter lavorare dal prossimo settembre. Non chiediamo misure straordinarie, ma ciò che ci è dovuto come categoria, come lavoratori che da sempre hanno versato allo Stato le tasse dovute”.

protesta a milano

Che cosa chiedono? La proroga della cassa in deroga, la possibilità di trasportare passeggeri a pieno carico come per gli aerei, lo slittamento dei mutui per il pagamento dei mezzi, la possibilità di recuperare le accise sul gasolio, oltre alla richiesta che i comuni onorino i contratti per i servizi di scuolabus e paghino le rate ora sospese.

Sconsolati questi imprenditori si dicono pronti a consegnare patenti ed autorizzazioni al presidente del Consiglio come atto simbolico ed allo stesso tempo concreto di protesta.

protesta a milano

A sollevare il grave problema sul futuro di queste aziende è anche il presidente onorario di Fai Trasporto Francesco Artusa, insieme alla Confederazione nazionale Sistema Impresa a cui aderisce, ma nei giorni scorsi anche Flixbus, l’azienda tedesca che ha investito in Italia assorbendo diverse compagnie locali di ogni regione. Tutti denunciano “grandi difficoltà” e chiedono aiuto al Governo ed in particolare alla Ministra De Micheli con “risorse adeguate per far ripartire centinaia di aziende e non lasciarle morire”.

“La Fesica Confsal è solidale alle problematiche di questi imprenditori e lavoratori e condivide in toto la necessità di un intervento tempestivo di misure in grado di rimettere in moto il comparto». A dichiararlo è il segretario generale della Fesica Confsal Bruno Mariani.

protesta a milano
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
crediti
La partnership
Banco Desio e Credimi insieme per erogare prestiti digitali sino a 50 milioni alle PMI
Generico giugno 2020
Università
Bocconi: Gianmario Verona riconfermato rettore per il biennio 2020-22
Maestra scuola
La lettera
“Io, docente tra incertezze e dubbi: voglio solo essere trattata da professionista”
turisti città alta
Bollettino ufficiale
Turismo, bando di Regione Lombardia da 17 milioni di euro per strutture ricettive
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI