Omicidio di Yara, 6 anni fa l'arresto di Bossetti nel cantiere di Seriate - BergamoNews
L'anniversario

Omicidio di Yara, 6 anni fa l’arresto di Bossetti nel cantiere di Seriate fotogallery video

Il carpentiere di Mapello fu poi condannato all'ergastolo: una sentenza che fa ancora discutere come dimostra la polemica di questi giorni in Regione

Sono passati sei anni dall’arresto di Massimo Giuseppe Bossetti per l’atroce delitto di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra scomparsa la sera del 26 novembre 2010 e ritrovata priva di vita tre mesi dopo in un campo di Chignolo d’Isola.

Il 16 giugno 2014, nel cantiere di Seriate dove stava lavorando, veniva arrestato quello che la Legge ha giudicato il suo assassino. Bossetti, un muratore bergamasco di Mapello, con una moglie e tre figli. Insospettabile, fino a quel giorno. Proprio per questo la notizia del suo fermo aprì un altro capitolo sconvolgente della vicenda.

Alla fine l’uomo fu condannato all’ergastolo in primo grado, in Appello e pure in via definitiva in Cassazione. Una sentenza che ancora oggi fa discutere e divide l’opinione pubblica, come dimostra l’intervento nei giorni scorsi  su Bergamonews di Elisabetta Aldrovandi, Garante per le vittime di reato di Regione Lombardia, che aveva parlato di “condanna dubbia”.

leggi anche
  • Elisabetta aldrovandi
    Caso Yara, la presidente dell’Osservatorio Sostegno Vittime: “Dubbia la condanna di Bossetti”
    Generico giugno 2020

Un’intervista che ha suscitato polemiche anche in Regione, che a sua volta è intervenuta per prendere le distanze da quelle parole e per esprime il proprio rammarico alla famiglia Gambirasio.

leggi anche
  • Dopo l'intervista a bgnews
    “Dubbia la condanna di Bossetti”: la Regione si dissocia dal Garante per le vittime
    Generico giugno 2020

leggi anche
  • L'operazione
    Ai migranti cibo scaduto e ore di lavoro irregolare: ai domiciliari tre responsabili di una coop
    Coop arresti
  • Colpo di scena
    Yara, la Cassazione dice sì al ricorso di Bossetti sull’esame dei reperti
    yara bossetti
  • L'avvocato di bossetti
    Caso Yara, Salvagni: “Accesso ai reperti la svolta, possibile revisione del processo”
    Claudio Salvagni, difensore di Massimo Bossetti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it