Quantcast
Arista di maiale con Strachítunt e puré di mele: la ricetta - BergamoNews
Informazione Pubblicitaria

Sènt che göst

Sènt che göst

Arista di maiale con Strachítunt e puré di mele: la ricetta

Il gioiello della Val Taleggio in un piatto di carne: un abbinamento complicato e insolito che funziona a meraviglia, proposto al Ristorante dell'Angelo

Chi l’ha detto che lo Strachítunt non si può abbinare alla carne? È un matrimonio senz’altro complicato, vero, ma la logica del gusto non ha impedito a Diego Arrigoni, cuoco e patron del Ristorante dell’Angelo di Vedeseta, di provarci. E il connubio pare che funzioni a meraviglia.

Lo dimostra questa ricetta, l’arista di maiale con Strachítunt e puré di mele, che quando è stata presentata ha riscosso grande successo tra i clienti del locale di Arrigoni: “L’abbiamo proposta per la prima volta in occasione dell’evento ‘Strachítunt, da risorsa per la famiglia a valore per il territorio’ dello scorso febbraio, prima del lockdown – spiega il cuoco, autore della ricetta -. Chi l’ha ordinata ne è rimasto piacevolmente colpito, e questo mi ha fatto molto piacere perché per la prima volta provavo a unire questo fantastico formaggio alla carne”.

leggi anche
Strachìtunt
Sènt che göst
Non solo Strachítunt e Taleggio: “La Coop Sant’Antonio è formaggi di qualità e cura del territorio”

Per accompagnare lo Strachítunt in questo piatto è stata scelta un’arista di maiale, una carne dolce e delicata che non si scontra col gusto deciso del gioiello della Val Taleggio: “È proprio questo che rende l’accostamento sensato e fattibile – spiega ancora Arrigoni -. Il puré di mele, invece, completa il piatto senza invadere col suo sapore delicato”.

“Lo Strachítunt nel nostro ristorante non manca mai – continua il cuoco -. Lo proponiamo nel classico tagliere e sulla pizza, ma soprattutto nei primi: nel risotto, nella pasta, nelle lasagne. Ora, anche con la carne. Questo è il nostro modo di celebrare questo formaggio che, insieme al Taleggio, parla della nostra valle e della nostra terra”.

La ricetta

ARISTA DI MAIALE CON STRACHÍTUNT E PURÉ DI MELE
Per 4 persone

800 gr. di arista di maiale
100 gr. di Strachítunt
4 mele
1 arancia
2 foglie di alloro
2 foglie di salvia
2 rametti di rosmarino
2 chiodi di garofano
Q.B. brodo, panna, vino bianco, sale, pepe, olio evo

Procedimento
Rosolare l’arista con salvia, rosmarino e olio, poi bagnare con del vino bianco. Salare e pepare, quindi cuocere per circa un’ora in forno tenendo la carne bagnata con il fondo di cottura e del brodo. Una volta cotta, togliere l’arista dell’intingolo e filtrare quest’ultimo. Poi, nel sugo filtrato aggiungere lo Strachítunt a cubetti, avendo cura di farlo sciogliere con un goccio di panna appena.
Mentre la carne cuoce tagliare in quattro le mele e farle cuocere a fuoco lento con il succo di una arancia, due foglie d’alloro e due chiodi di garofano. Quando la mela è cotta toglierla dal fuoco, eliminare alloro e chiodi di garofano e frullarla. Salare, pepare e mantecare con una noce di burro.
Servire l’arista a fette condita con l’intingolo allo Strachítunt e, a fianco, il puré di mele.

Ricetta strachìtunt
Ricetta strachìtunt
Ricetta strachìtunt
Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Emiliano Pesenti
L'intervista
“La DOP dello Strachítunt un punto d’arrivo e di partenza per tutta la valle”
Formagella Sant'Antonio
La novità
Una formaggella per ringraziare i bergamaschi: nasce “Sant’Antonio, una storia di resistenza”
Fomraggio
La novità
L’arte del formaggio: a ottobre il via al corso per diventare “casaro di montagna”
Strachitunt
Bergamo
Lo Strachítunt vince anche al cinema: il documentario premiato al Food Film Fest
Strachitunt
Sènt che göst
La stagionatura, quando il latte diventa un gioiello: “L’esperienza fa la differenza”
Strachìtunt
Sènt che göst
Torta salata allo Strachítunt: la ricetta di Al Palazz dol Miro
Strachìtunt CasArrigoni
Sènt che göst
“Il successo dello Strachítunt è la conferma del buono che stiamo facendo”
Pizze Strachìtunt
Sènt che göst
Sulla pizza con fragole e ananas: lo Strachítunt al Belvedere di Gerosa
Strachítunt
Sènt che göst
Tra tradizione e innovazione: lo Strachítunt come opportunità per guardare al futuro
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI