Zona rossa e ospedale di Alzano: convocati in procura anche i medici; il pool perde un pm - BergamoNews
L’inchiesta

Zona rossa e ospedale di Alzano: convocati in procura anche i medici; il pool perde un pm

Nominato un gruppo di esperti che collabora con il procuratore aggiunto Maria Cristina Rota per studiare i dati epidemiologici di quelle difficili settimane

Dovranno spiegare come sono andate le cose quella domenica 23 febbraio i medici dell’ospedale di Alzano Lombardo convocati in procura a Bergamo come persone informate sui fatti nell’inchiesta sulla gestione del Pesenti-Fenaroli e della mancata Zona rossa in Val Seriana. Il personale medico è atteso già nella giornata di lunedì di fronte al pool di magistrati che si occupa delle indagini, di cui non fa più parte il pm Giancarlo Mancusi.

I medici sono stati chiamati a deporre in seguito alle parole dell’ex direttore del Welfare e della Sanità di Regione Lombardia Luigi Cajazzo (sostituito nei giorni scorsi da Marco Trivelli) che nella sua audizione in procura aveva precisato che la decisione di riaprire subito dopo due ore l’ospedale di Alzano il 23 febbraio, era stata presa in accordo con il personale.

Nel frattempo il procuratore aggiunto Maria Cristina Rota che coordina le inchieste, ha nominato un gruppo di tecnici che dovrà studiare i dati epidemiologici di quelle drammatiche settimane vissute da Alzano e Nembro.

La decisione arriva dopo la trasferta romana in cui i magistrati di Bergamo hanno ascoltato a lungo il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i ministri Luciana Lamorgese e Roberto Speranza per capire perché è per come non fosse stato deciso di istituire la zona rossa in bassa Val Seriana.

Il pool, composto dai pm Fabrizio Gaverini, Paolo Mandurino e Silvia Marchina, ora deve prendere una decisione e vuole farlo dopo aver bene analizzato ogni aspetto legato a quei giorni di inizio marzo. Deve decidere se ipotizzare concretamente un reato, e in questo caso chi sono gli indagati, cioè a chi si pensa spettasse decidere, o se concludere con un’archiviazione l’inchiesta avviata. Per questo si affida anche consulenti esperti per analizzare la propagazione del Coronavirus a Bergamo e in Bergamasca.

leggi anche
  • Dopo la trasferta a roma
    Mancata Zona rossa, i pm e i dubbi da sciogliere: fu reato? E chi doveva decidere?
    rota
  • Inchiesta zona rossa
    Pm Rota dopo aver sentito il premier Conte: “Clima disteso e collaborativo”
    rota
  • Inchiesta zona rossa
    Pm Rota da Conte, il senatore Lannutti: “Ha già assolto Fontana, intervenga Csm”
    Pm Rota da Conte, il senatore Iannutti
  • Venerdì mattina
    Finita l’audizione di Fontana in Procura a Bergamo; contestazioni. Salvini: “Vergognoso”
    fontana procura bergamo
  • La svolta
    Ospedale di Alzano chiuso e riaperto: primi iscritti nel registro degli indagati?
    Ospedale Alzano isolato
  • La riflessione
    Covid, Alzano celebra la giornata del ricordo: “Sia l’inizio per una nuova comunità”
    alzano lombardo
  • In procura
    Inchiesta Covid, ospedale di Alzano subito riaperto: nuove testimonianze
    Noi denunceremo, le famiglie delle vittime del Covid in Procura
  • La ricostruzione
    La pm Rota spegne le accuse: “Confindustria non fece pressioni per la zona rossa”
    Maria Cristina Rota
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it