"Dubbia la condanna di Bossetti": la Regione si dissocia dal Garante per le vittime - BergamoNews
Dopo l'intervista a bgnews

“Dubbia la condanna di Bossetti”: la Regione si dissocia dal Garante per le vittime

“Esprimo la mia vicinanza alla famiglia Gambirasio – dichiara Malanchini -, che dopo la tragedia che ha vissuto non merita di certo di leggere certe dichiarazioni inopportune e fuori luogo”

Le sentenze si rispettano e non si commentano. Lo afferma l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Lombardia in merito alle dichiarazioni rilasciate al quotidiano online Bergamonews dalla Garante regionale per le vittime di reato Elisabetta Aldrovandi in merito alla condanna di Giuseppe Bossetti considerato in via definitiva l’assassino della piccola Yara Gambirasio.

leggi anche
  • Elisabetta aldrovandi
    Caso Yara, la presidente dell’Osservatorio Sostegno Vittime: “Dubbia la condanna di Bossetti”
    Generico giugno 2020

“Siamo rammaricati di aver letto questa intervista, dalla quale ci dissociamo completamente. L’avvocato Aldrovandi ha parlato a titolo personale, dimenticando il suo ruolo di garanzia”, hanno sottolineato i membri dell’UdP di Palazzo Pirelli Alessandro Fermi (Presidente, Forza Italia), Francesca Brianza e Carlo Borghetti (vice Presidenti, Lega e PD), Giovanni Malanchini e Dario Violi (Consiglieri Segretari, Lega e M5S).

“Esprimo la mia vicinanza alla famiglia Gambirasio – dichiara Malanchini -, che dopo la tragedia che ha vissuto non merita di certo di leggere certe dichiarazioni inopportune e fuori luogo, che non rispettano il lavoro portato avanti dai magistrati e il dolore delle persone”.

leggi anche
  • Colpo di scena
    Yara, la Cassazione dice sì al ricorso di Bossetti sull’esame dei reperti
    yara bossetti
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it