Gori bacchetta la Regione: "Morti e guariti Covid: nasconde i dati per provincia" - BergamoNews
L'affondo

Gori bacchetta la Regione: “Morti e guariti Covid: nasconde i dati per provincia”

Il sindaco di Bergamo attacca in un tweet: "Da quando abbiamo segnalato che i decessi reali erano di più dei numeri ufficiali non comunica più i dati divisi". La replica del Pirellone: "La diffusione dei dati non è cambiata".

Perchè la Regione Lombardia non comunica più i dati relativi a decessi e guariti divisi per provincia?

È la domanda che si è posto il sindaco di Bergamo Giorgio Gori che, in un tweet, ha criticato la gestione della comunicazione del Pirellone partendo dagli ultimi numeri disponibili, quelli di mercoledì 10 giugno.

“Leggo che in Lombardia ci sono stati 32 decessi per Covid – scrive nel suo cinguettio – Non si sa però dove, in quale provincia, perchè la Regione non comunica più i dati divisi”.

Un trend che, evidenzia il primo cittadino bergamasco, è iniziato quando dal territorio è emerso chiaramente come i numeri “ufficiali” non collimassero con quelli effettivi: “Da quando abbiamo segnalato che i decessi reali erano molti di più – continua Gori -, hanno secretato i dati per provincia”.

“Neppure i dati sui guariti vengono più comunicati – aggiunge in un altro tweet – e sì che sarebbero importanti per capire che oggi le persone ammalate sono poche. Spero che il nuovo dg della Sanità Marco Trivelli parta da qui, dai dati e dalla trasparenza”. 

Un appello nel nome della verità, che Bergamo e provincia si meritavano prima, in pienissima emergenza per capire la reale diffusione della pandemia, e che ancora di più si meritano ora, per evitare di essere ancora accompagnati da pesanti etichette.

La replica del Pirellone, però, non si è fatta attendere: “Quanto scrive il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, non corrisponde al vero ed è privo di qualsiasi fondamento. La diffusione dei dati relativi al Coronavirus da parte di Regione Lombardia verso le autorità sanitarie e verso i mezzi di informazione non è cambiata e continua a essere la stessa. Sostenere, per alimentare la polemica politica e senza alcun riscontro veritiero, che la Regione ‘secreti’ i dati non fa onore a chi rappresenta le Istituzioni”.

Sul caso è intervenuto anche l’onorevole bergamasco della Lega Daniele Belotti: “Gori continua a cercare la polemica a tutti i costi per avere visibilità nazionale. Punta forse a scalare, con il sostegno del fido Martina, il Pd? – ha scritto sulla propria pagina Facebook – Piuttosto, perchè la procura di Bergamo, visto che ha interrogato Fontana, Gallera e venerdì Conte e Speranza, non sente anche il sindaco Gori sulle eventuali pressioni per non istituire la zona rossa di Alzano e Nembro? Del resto è stato lui, insieme a Sala, il principale sponsor del messaggio di Confindustria Bergamo non si ferma”.

leggi anche
  • Città alta
    Abbattuti tre ippocastani lungo le Mura, il Comune: “Erano in stato di gravità estrema”
    Ippocastano malato
  • I dati di giovedì 11 giugno
    Coronavirus, 13mila tamponi in Lombardia e 39 nuovi casi a Bergamo
    Dati Lombardia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it