"Per chi non sa usare la tecnologia quasi impossibile prenotare visite sanitarie" - BergamoNews
Denuncia di federcosumatori

“Per chi non sa usare la tecnologia quasi impossibile prenotare visite sanitarie”

I problemi sono per quelle persone non più giovani che non hanno dimestichezza con le app, con le mail, coi siti internet. Non sono poi così poche quelle prive di strumenti indispensabili per utilizzare tali procedure.

Federconsumatori fa propria la denuncia del disagio di chi deve prenotare una visita o un esame in strutture sanitarie pubbliche e/o private.

In particolare, spiega il presidente Umberto Dolci, i problemi sono per quelle persone non più giovani che non hanno dimestichezza con le app, con le mail, coi siti internet. Non sono poii così poche quelle prive di strumenti indispensabili per utilizzare tali procedure.

Come può un cittadino esercitare il proprio diritto alle cure se, per citare casi concreti, al Papa Giovanni XXIII non può accedere al CUP e se il superstite contatto telefonico (rigorosamente accentrato in Regione) lo fa impazzire tra tempi di risposta, indicazioni sparate a raffica, rimandi al “pigiare il tasto x, per poi riportarlo alla casella di partenza?”

Anche la sanità privata, prosegue Federconsumatori “in fatto di complicazioni non si fa mancare nulla. Ci sono cliniche di bergamo in cui le prenotazioni si accettano soltanto tramite domanda fatta per e-mail. Stessa procedura per conoscere che fine abbiano fatto le prenotazioni acquisite prima dell’emergenza Covit. Le linee telefoniche non capisci se stiano prendendosi gioco di te o se abbiano problemi loro. Sta di fatto che interloquire con un operatore per avere informazioni è impossibile”.

In tale contesto la messa a disposizione dell’App SolariQ, sicuramente utile a chi la può e sa usare, è “perfettamente inutile per questi cittadini che, non soltanto non ne sono avvantaggiati ma, in mancanza di alternativa, ne risultano danneggiati”.

L’associazione chiede ai Responsabili di ATS e agli Amministratori locali e regionali di attivarsi perché si ricreino le condizioni affinché tutti possano accedere ai servizi erogati dalla Sanità pubblica e convenzionata in modo semplice e chiaro.

leggi anche
  • Bergamo
    ‘Contributo Covid’ e prezzi in aumento, Federconsumatori lancia l’allarme
    speculazioni Federconsumatori
  • L'assessore angeloni
    Onoranze funebri, Federconsumatori premia Bof: “Giusto abbassare le tariffe”
    Coronavirus Covid cimitero pompe funebri
  • Lettera aperta
    Federconsumatori ad Ats: “In sicurezza si facciano esami, visite e terapie prenotate”
    Eventi a Bergamo e provincia
  • Bergamo
    Nidi e scuole chiuse: le rette vanno pagate? La sollecitazione di Federconsumatori
    Asilo nido Levate
  • Villongo
    Dall’organizzazione di eventi alla produzione di alcol: “Così ho salvato la mia azienda”
    Eventificio
  • Lo sguardo di beppe
    Sanità, business appetibile per qualcuno, servono serie regole a tutela del paziente
    medico salvadanaio (foto George Hodan)
  • La denuncia
    Prenotare una visita medica: come impazzire tra pc e telefono
    anziano pc (Foto Andrea Piacquadio da Pexels)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it