Conte venerdì dai pm per la mancata zona rossa nella Bergamasca: "Non sono preoccupato" - BergamoNews
L'annuncio

Conte venerdì dai pm per la mancata zona rossa nella Bergamasca: “Non sono preoccupato”

Il premier verrà sentito insieme a Lamorgese e Speranza per le indagini sull'epidemia esplosa nella bassa Val Seriana: "Riferirò doverosamente tutti i fatti di mia conoscenza, non sono affatto preoccupato"

Sarà sentito dai pm venerdì 12 giugno, molto probabilmente a Roma, il premier Giuseppe Conte. Dovrà riferire tutte le informazioni in suo possesso sulla mancata zona rossa a Nembro e Alzano per aiutare le indagini sull’epidemia nella Bergamasca.

“Le cose che dirò al pm – ha affermato il primo ministro – non posso anticiparle: riferirò doverosamente tutti i fatti di mia conoscenza. Non sono affatto preoccupato”.

Insieme a Conte verranno sentiti anche il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il ministro della Salute Roberto Speranza.

leggi anche
  • In procura a bergamo
    Fontana ai pm: “Zona rossa? Nessuna pressione dal mondo economico”

Sulla questione del mancato isolamento dei due comuni della bassa Val Seriana a fine maggio sono stati ascoltati anche il governatore della Lombardia Attilio Fontana e l’assessore al Welfare Giulio Gallera. Entrambi, convocati come persone informate sui fatti, hanno sostenuto che la decisione spettava al governo visto che era stato già inviato l’esercito nella zona.

leggi anche
  • Bergamo
    Covid, i drammi delle famiglie in Procura per chiedere giustizia
  • Venerdì
    Zona rossa: in mattinata i pm di Bergamo sentono Conte a Roma
  • L'annuncio
    Conte: “Stato di emergenza per Coronavirus fino al 31 dicembre”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it