BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fridays for future: anche a Bergamo lo sciopero in bici per una mobilità sostenibile fotogallery

Il corteo, partito alle 17 dal piazzale della stazione, si è concluso davanti a Palazzo Frizzoni: "Chiediamo che venga valorizzata la campagna #bergamoriparteinbici"

Tornano a farsi sentire i Fridays For Future di Bergamo dopo le manifestazioni cittadine dei mesi scorsi, interrotte dall’emergenza Covid e dal lockdown. In occasione della Giornata mondiale per l’ambiente, venerdì 5 giugno il movimento internazionale di protesta ha organizzato in città uno sciopero in bici (BikeStrike).

“A Bergamo – spiegano gli organizzatori – questa assume un significato particolare perchè va a valorizzare la campagna #bergamoriparteinbici mirata a promuovere una mobilità sostenibile, grazie anche al nuovo Bonus Mobilità offerto per la ripartenza dopo l’emergenza Sanitaria”.

Il gruppo si è ritrovato nel piazzale della stazione intorno alle 16.30 per poi far partire il pacifico corteo alle 17 in punto.

Un’ottantina le persone che hanno deciso di partecipare alla manifestazione, tutte munite di mascherina e attente a mantenere il distanziamento sociale richiesto per contenere il contagio da Covid-19.

Il corteo in via Paleocapa, nel pieno centro della città
Bergamo Riparte in Bici

Il corteo si è poi concluso davanti a Palazzo Frizzoni, in piazza Matteotti, dove i manifestanti hanno posato con lo striscione “Bergamo riparte in bici” e spiegato, con l’ausilio di un megafono, le ragioni dell’evento: ancora una volta sono state chieste azioni atte a prevenire il riscaldamento globale e il cambiamento climatico.

Lo striscione esposto fuori da Palazzo Frizzoni
Bergamo Riparte in Bici

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.