BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fratelli d’Italia Bergamo: “Bando per gli estivi? Non va nella giusta direzione”

Il gruppo di opposizione attacca la Giunta Gori: "Progetto presentato in breve tempo e con tempi troppo corti"

“Per la ripartenza abbiamo un’idea diversa di commercio per la nostra città: ci spiace ma non è questo il passo giusto con cui ricominciare”. Questa, in sintesi, è la posizione di Fratelli d’Italia Bergamo, che si esprime con i suoi esponenti locali e provinciali rispetto al futuro prossimo del commercio in città.

Sotto la lente d’osservazione è anzitutto il bando per i “mini-estivi”: “Dopo che per settimane l’amministrazione non è stata chiara sulla presenza degli estivi e dopo che le associazioni di categoria avevano chiesto che per quest’anno fossero evitati per non generare una concorrenza sleale, il bando non solo è uscito, ma ha anche dei tempi estremamente corti, di appena una settimana, per presentare proposte che in alcuni casi premierebbero le associazioni di più imprenditori: come si può presentare un progetto serio con nessun preavviso, in pochi giorni?” si domanda Davide De Rosa, di Fratelli d’Italia Bergamo.

Che prosegue: “Per alcuni spazi inoltre possono partecipare anche esercizi che già hanno spazi esterni attrezzati e dehors. Troviamo che questo sia molto scorretto e non vada nella giusta direzione. Ai tavoli per la ripresa convocati dal Comune avevamo chiesto che fosse offerta la possibilità ai locali di somministrazione senza adeguati spazi esterni di averne negli spazi pubblici. Avevamo proposto spazi esterni in tutti i parchi, o nelle vie per quei quartieri senza parchi pubblici, in condivisione tra le attività dei diversi settori, e non solo della ristorazione, dei quartieri. Nel bando invece non è previsto nessun requisito specifico che valorizzi l’accesso per i commercianti con locali più piccoli, quindi più penalizzati dalle misure di distanziamento. Fa riflettere”, conclude polemicamente De Rosa, “il fatto che siamo stati chiamati ad esprimere pareri venerdì 29 maggio, a bando già pronto dato che lunedì 1 giugno è stato pubblicato”.

Daniele Zucchinali, portavoce provinciale, spiega che “Fratelli d’Italia considera prioritario tutelare i commercianti e i ristoratori che sono stati costretti alla chiusura a causa del covid. Creare una concorrenza di nuovi operatori estemporanei, a cui assegnare gli spazi estivi, significa minare la sopravvivenza dei locali che garantiscono la vitalità e la sicurezza dei quartieri durante tutto l’anno, con gravi ripercussioni anche sul piano urbanistico e sociale”.

Infine, il consigliere comunale Andrea Tremaglia anticipa un’ordine del giorno per il prossimo consiglio comunale: “Questo momento difficilissimo per la città e per il commercio deve essere l’occasione per iniziative forti e coraggiose. Noi abbiamo proposte già portate ai tavoli e che ripresenteremo nel prossimo consiglio comunale, a cui si aggiungerà la richiesta di ripensare totalmente il bando che è stato presentato. Iniziamo poi a cogliere le opportunità fornite dal digitale, con corsi di formazione per gli esercenti e lo studio di una logistica nuova nel trasporto delle merci e nella consegna degli acquisti, come più volte già chiesto anche dal DUC. Le idee non mancano, serve coraggio: noi ci siamo e crediamo che sia questo il momento giusto”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.