Dalla Pedrini a Tokyo? Vanessa e Silvia, compagne di doppio in carrozzina, ci provano - BergamoNews
Paralimpiadi tennis

Dalla Pedrini a Tokyo? Vanessa e Silvia, compagne di doppio in carrozzina, ci provano

Da quasi un anno fra i dipendenti dell’azienda Pedrini si è composta una coppia di ragazze che, giocando a wheelchair tennis, puntano alle prossime Paralimpiadi

Da quasi un anno fra i dipendenti dell’azienda Pedrini di Carobbio degli Angeli si è composta una coppia di ragazze che ha una bella storia di sport da raccontare: quella di Vanessa Ricci e Silvia Morotti.

La disciplina in cui Vanessa e Silvia si stanno imponendo alla ribalta nazionale è il tennis nella sua versione leggermente adattata, più precisamente il wheelchair tennis o tennis in carrozzina. Per impegno e risultati sportivi entrambe sono tra le top 100 del ranking ITF in compagnia di ben altre 4 italiane, e non stanno onorando soltanto Bergamo, ma anche l’azienda nella quale sono impiegate, la Pedrini Spa di Carobbio degli Angeli, specializzata nella costruzione di macchine per la lavorazione di marmo, granito e gres.

Per i successi delle due atlete va riconosciuto anche merito alla Special Bergamo Sport (SBS): società che si occupa del reintegro sociale di persone con disabilità attraverso lo sport. Il circuito statale nel quale sono impegnate per il 2020 prevede oltre 30 tappe, purtroppo l’emergenza Covid che sta interessando il Paese, ha obbligato alla interruzione delle attività. Vanessa e Silvia giocando insieme, in doppio, hanno vinto il torneo internazionale Camozzi Open a Brescia nel 2018, disputato due finali di Torneo Internazionale, quella di Cantù nel 2018 e di Cremona nel 2019, oltre alla semifinale al prestigioso Torneo di Kalamata sempre nel 2018.

Vanessa Ricci, 29enne, è impiegata nell’Ufficio Amministrazione di Pedrini Spa da aprile 2019, attualmente è numero 90 del ranking ITF, in carrozzina dal 2009, ha iniziato la sua carriera tennistica nel 2015 tra le file della Special Bergamo Sport (SBS), si è già guadagnata le luci della ribalta grazie ai progressi compiuti nelle ultime stagioni.

Silvia Morotti, la veterana delle due, lavora in Pedrini dal 2009, entrata al commerciale per poi passare all’ufficio Marketing dell’azienda bergamasca dove si trova ora; in carrozzina dal 1999, ha esordito nel circuito nel 2009 sempre con i colori della Special Bergamo Sport (SBS) e da allora ha un posto stabile fra le prime 100 del mondo, nel 2019, ha avuto, inoltre, la soddisfazione della convocazione in nazionale, disputando in maglia azzurra le qualificazioni ai mondiali in Portogallo.

Vanessa e Silvia sono parte integrante del “Team” Pedrini Spa, da sempre attento anche ai valori sociali e morali oltre che lavorativi dei propri componenti.

“Il condurre in maniera egregia il proprio lavoro – spiega una nota aziendale -, rende doppiamente merito alle tenniste, così brave da ottenere i risultati sportivi citati, senza far mancare il loro contributo nell’azienda di appartenenza in due settori importanti come l’Amministrazione e il Marketing. Tutta la Pedrini, dalla proprietà ai colleghi, supporterà e farà il tifo per Vanessa e Silvia accompagnandole nel loro percorso sportivo che potrebbe persino condurle a strappare un Pass per le prossime Paralimpiadi di Tokyo”.

leggi anche
  • Beneficenza
    Una sedia a rotelle per la scherma di Sofia, che punta alle Paralimpiadi di Tokyo
    Sofia Della Vedova
  • Da san pellegrino
    Andrea, scelto da Alex Zanardi per il sogno delle Paralimpiadi di Tokio 2020
    andrea offredi alex zanardi (foto Martina Pullin)
  • Lancio del disco
    Un altro argento bergamasco alle Paralimpiadi: è quello di Oney Tapia
    oney tapia
  • La gara
    Paralimpiadi Rio 2016, splendida Martina Caironi: argento nel salto in lungo
    Martina Caironi
  • Col vostro aiuto
    Erica, alla Mezza di Bergamo con una carrozzina speciale: la sua storia in un film?
    Erica, alla Mezza di Bergamo con una carrozzina speciale
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it