Quantcast
Dl Rilancio, Benigni e Sorte: "Serve 1 miliardo di investimenti per Bergamo" - BergamoNews
La richiesta

Dl Rilancio, Benigni e Sorte: “Serve 1 miliardo di investimenti per Bergamo”

I deputati bergamaschi di 'Cambiamo!' hanno depositato un pacchetto emendativo che mira ad ottenere gli investimenti: "Aspettiamo esecutivo e maggioranza alla prova del voto"

“L’errore più macroscopico del decreto Rilancio è quello di prevedere, di fatto, solo spese di cassa senza un euro per gli investimenti. È comprensibile l’urgenza di far fronte alle spese di prima necessità, ma senza investimenti l’Italia, con i suoi territori più colpiti dalla pandemia, non ripartirà”. Lo dichiarano i deputati bergamaschi di Cambiamo! Stefano Benigni e Alessandro Sorte.

“Abbiamo perciò depositato un pacchetto emendativo (guarda qui) che mira ad ottenere 1 miliardo per gli investimenti nella provincia di Bergamo. Dobbiamo puntare su edilizia scolastica, infrastrutture, contrasto al dissesto idrogeologico, valorizzazione delle comunità montane e potenziamento della viabilità, anche attraverso piste ciclabili e linee tranviarie – proseguono -. Chiediamo inoltre con forza l’istituzione di una zona economica speciale per il sostegno alle imprese e ai professionisti colpiti dalle conseguenze del Covid. Aspettiamo esecutivo e maggioranza alla prova del voto per vedere se avranno il coraggio di voltare le spalle a una delle zone più colpite del Paese e ai suoi cittadini”.

leggi anche
ticket sanitario
L'iniziativa
Coronavirus e ticket non pagati: ecco le agevolazioni pensate da Ats
Bergamo riparte dopo il lockdown
Mazzola, cisl
Quaranta miliardi di euro in fumo: l’eredità del lockdown a Bergamo
Generico giugno 2020
Politica
Il consigliere regionale Niccolò Carretta entra in Azione, il partito di Calenda
palafrizzoni
I fondi
Bergamo e la Fase2 del bando ‘Rinascimento’: 22 milioni alle aziende per superare l’emergenza
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it