BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Giacomo Agostini ricorda Carlo Ubbiali: “Sognavo un giorno di diventare come lui”

Il pluricampione di Lovere ha voluto ricordare la leggenda del motociclismo orobico che nel 1964 contribuì al suo ingaggio all'MV Agusta

“Un vero e proprio punto di riferimento”. È il ricordo di Carlo Ubbiali che Giacomo Agostini ha voluto condividere nel giorno della sua scomparsa.

Da ragazzo il 77enne di Lovere ha avuto modo di seguire le gesta della “volpe” delle due ruote che, a cavallo fra il 1949 e il 1960, conquistò nove titoli mondiali e 39 corse iridate nelle categorie 125 e 250.

“Ho un grande ricordo di Ubbiali – ha spiegato Agostini in un’intervista all’Ansa – Avevo 10 anni quando vinceva tutto e sognavo di diventare come lui un giorno. È stato per me un esempio, un incentivo e una fonte d’ispirazione”.

In grado di seguire le orme del suo predecessore, il pluricampione di motociclismo deve parte dei suoi numerosi successi a Ubbiali che nel 1964 consigliò al conte Domenico Agusta il suo ingaggio in squadra.

“Lui correva con la testa, da grande campione, con intelligenza e furbizia. All’epoca si vedeva poco in tv, leggevo le sue imprese sui giornali. Lo descrivevano con fosse un tutt’uno con la moto – ha concluso Agostini -. Siamo accomunati dalla MV Agusta: quando ingaggiarono me chiesero informazioni sul mio conto a lui”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.