Quantcast
Lecco, pm di 44 anni trovata morta in casa: sul posto il procuratore Chiappani - BergamoNews
Le indagini

Lecco, pm di 44 anni trovata morta in casa: sul posto il procuratore Chiappani

Il cadavere del magistrato Laura Siani è stato rinvenuto la scorsa notte su segnalazione di un vicino di casa

È intervenuto anche il procuratore uscente Antonio Chiappani, nelle scorse settimane nominato a Bergamo, nell’abitazione del pm Laura Siani, trovata morta a 44 anni la scorsa notte.

Il magistrato era in servizio alla Procura di Lecco dalla scorsa primavera, proprio agli ordini di Chiappani. Prima di arrivare a Lecco era stata a Palermo e prima ancora a Lodi.

leggi anche
chiappani
La prima intervista
Il procuratore Chiappani: “Mia moglie e il Covid, conosco il dramma che state vivendo”

In base ai primi rilievi, l’ipotesi più plausibile sembra essere quella di un gesto volontario. Sul posto anche i Carabinieri di Lecco e una Volante della Questura per fare luce sulla vicenda.

Originaria di Mandello del Lario, in provincia di Lecco, Siani era figlia del musicista Dino, scomparso nel 2017 e noto al grande pubblico, nonché sorella di Giorgio Siani, ex sindaco di Mandello.

La salma è stata trovata la scorsa notte su segnalazione di un vicino di casa. Sono ancora in corso indagini per risalire alle esatte modalità e cause dell’accaduto.

leggi anche
Rota Mapelli
Il ricordo
Morì un anno fa: le ultime parole del procuratore Mapelli nel video-ricordo dei colleghi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it