Estivi, ecco il bando del Comune: 6 spazi in città, anche Piazza Vecchia - BergamoNews
Bergamo

Estivi, ecco il bando del Comune: 6 spazi in città, anche Piazza Vecchia

Niente tassa di occupazione del suolo pubblico e clienti solo ai tavoli. Potranno partecipare i ristoratori che non hanno la possibilità di rispettare il distanziamento nei locali

Non gli spazi estivi a cui siamo abituati in città, ma luoghi dove potersi sedere a bere e mangiare qualcosa all’aperto, necessariamente e obbligatoriamente al tavolo, con un sottofondo musicale: è online da lunedì pomeriggio il bando che il Comune di Bergamo ha istruito per l’assegnazione di sei diverse aree della città ad attività di ristorazione della città.

Spazi da assegnare “al fine di consentire – si legge nel bando – lo svolgimento di attività di somministrazione di alimenti e bevande ad esercenti che non abbiano la possibilità, nel proprio locale, di rispettare le misure di distanziamento personale e sociale previste dalle linee guida allegate al DPCM 17/05/2020.” Il tutto senza alcun versamento del canone di occupazione suolo pubblico, scontato integralmente dall’Amministrazione comunale fino al prossimo 31 ottobre.

I luoghi individuati dal Comune

– Parco della Crotta, dalla data di assegnazione fino al 4 ottobre 2020

– Piazza Vecchia, dalla data di assegnazione fino al 31 ottobre 2020

– Parco di sant’Agostino, dalla data di assegnazione fino al 4 ottobre 2020

– Area esterna parco Goisis, dalla data di assegnazione fino al 13 settembre 2020

– Parco della Trucca, dalla data di assegnazione fino al 13 settembre 2020

– Parco Brigate Alpine (via Quasimodo), dalla data di assegnazione fino al 4 ottobre 2020

Differenti gli orari di chiusura degli spazi: mentre il Parco della Crotta, piazza Vecchia e il Parco Brigate Alpini chiuderanno i battenti a mezzanotte, il parco di Sant’Agostino rimarrà aperto fino all’una e, infine, parco Goisis e parco della Trucca fino alle due.

La procedura

I soggetti interessati potranno inviare la documentazione richiesta dal bando entro e non oltre il 9 giugno 2020: tempi stretti, quindi, in primo luogo perché – essendo vietati eventi e manifestazioni per via dell’emergenza coronavirus – non è richiesta la stesura di un progetto ad hoc per l’assegnazione degli spazi; in secondo luogo per cercare di aprire gli spazi di somministrazione il prima possibile nel mese di giugno, in modo da venire incontro alle esigenze di commercianti e cittadinanza.

Qui il testo dell’avviso pubblico: https://www.comune.bergamo.it/node/211354

leggi anche
  • Le novità
    Bergamo, oltre 30 spazi per dehors ed estivi: vietato vendere bevande d’asporto
    bar all'aperto Photo by Louis Hansel @shotsoflouis on Unsplash
  • Le proposte
    Estivi rivoluzionati, dehors lontani dai locali: Bergamo cerca la nuova normalità
    spazi estivi
  • Palafrizzoni
    Bergamo, la Lega: “Ripristino del bando spazi estivi, facciamoli in sicurezza nei parchi di quartiere”
    "Extate alla Trucca", lo spazio estivo del parco più grande di Bergamo
  • Città alta
    La biblioteca Mai riapre gradualmente: dal 3 giugno prestito su prenotazione e restituzione libri
    Biblioteca Mai
  • No bevande dopo le 18
    Carrara, Tremaglia, Merigo: “Stretta su Bergamo soffoca cittadini e attività”
    Movida e regole
  • Bergamo
    Fratelli d’Italia e Lega critici sull’esito del bando estivi: “Un passo falso”
    Unsplash movida
  • Dal comune
    Progetto Rinascimento: prorogati ed estesi bandi per micro e piccole imprese di Bergamo
    Bergamo riparte dopo il lockdown
  • Bergamo
    Tremaglia: “Sugli estivi non si perda di vista la sicurezza, servono controlli”
    Tremaglia estivi
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it