BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Alzano a Seriate: le piscine bergamasche riaprono con gradualità

Ecco come sono organizzate una serie di strutture in provincia di Bergamo

Anche nella Bergamasca inizia la fase 2 delle piscine. Dopo il lockdown per contrastare la diffusione della pandemia Covid-19, i primi impianti di Bergamo e provincia cominciano a riaprire.

Venerdì 29 maggio il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato l’ordinanza n. 555, che integra le misure approvate dal DPCM del 17 maggio 2020. I protocolli contengono diverse disposizioni per evitare i contagi e le strutture si stanno adoperando per garantire la massima sicurezza.

Alcune sono già pronte, altre – nonostante la volontà di tornare operative – necessitano di maggior tempo e sono impegnate per terminare gli ultimi preparativi. Le attività a ripartire sono nuoto libero e fitness, mentre i corsi inizieranno nei giorni successivi ma non in tutte le strutture. Ogni realtà, poi, fornisce a chi ha un abbonamento indicazioni in merito al recupero delle lezioni che non sono state svolte a causa della chiusura.

Alla piscina Italcementi di Bergamo sono in corso i lavori di preparazione e verifica degli aspetti tecnici per la riapertura. Quindi i lavori che riguardano le rivestiture delle vasche con gli interventi necessari, le condotte con tutte le verifiche del caso, le pulizie, le sanificazioni anche delle conduzioni dell’acqua per le docce. In questi giorni si svolgerà una riunione tecnica per capire la tempistica della messa in opera di tutti gli accorgimenti previsti dalle normative. La trasformazione di tutte le direttive in operatività richiede lo svolgimento di diversi passaggi: l’obiettivo è aprire il prima possibile ma con il massimo della sicurezza. Una decina di giorni fa lo staff ha anticipato lo svolgimento di una serie di lavori per essere in grado di rispondere tempestivamente una volta apprese le nuove disposizioni. Considerando la storicità della struttura, le verifiche tecniche diventano determinanti per definire l’apertura: la priorità è garantire la sicurezza dei lavoratori, degli utenti e in generale di tutti quelli che usufruiscono di un impianto complesso come le piscine Italcementi.

Fra i primi a riaprire c’è la piscina “Stile nuoto Quadri” di Almè, che riaccoglierà gli appassionati di nuoto da lunedì 1° giugno. Lo staff ha preparato delle linee guida da seguire per quanto riguarda l’accesso all’impianto, agli spogliatoi, alla palestra e in merito alle modalità di recupero degli abbonamenti.

L’ingresso è con obbligo di prenotazione in reception sia per gli abbonati sia per gli ingressi singoli, con permanenza in vasca di un’ora. All’entrata bisogna consegnare (o compilare) un modulo di autocertificazione sulle proprie condizioni.
Le regole per accedere alle vasche, valide per tutti, sono: doccia obbligatoria prima di entrare in vasca; indossare la mascherina fino all’ingresso in vasca; portare un sacchettino dove poterla riporre; non portare l’accappatoio nella zona della vasca; e rispettare le distanze di sicurezza.

Le regole per l’utilizzo degli spogliatoi, valide per tutti, sono: accedere solo con sovrascarpe acquistabili in reception; riporre indumenti, borsa e oggetti personali in un sacco usa e getta acquistabile in reception; prepararsi a casa indossando già il costume; dieci minuti di tempo di permanenza nello spogliatoio prima di iniziare l’attività; 15 minuti di tempo di permanenza nello spogliatoio dopo la lezione (doccia e cambio); ritirare il guanto usa e getta se si vuole utilizzare il phon.
Vengono proposte diverse soluzioni per gli utenti iscritti ai corsi che hanno perso lezioni a causa del lockdown. Per il nuoto libero verrà riaccreditato il periodo perso in base alle scadenze dell’abbonamento.
Per informazioni telefonare al numero: 035542209.

Lunedì 1° giugno, in assetto estivo, riaprirà anche la piscina “Acquadream” di Alzano Lombardo. Nei giorni feriali l’apertura è dalle 8,30 alle 21. Nei giorni festivi e pre-festivi dalle 8,30 alle 19,15. Martedì apertura anticipata alle 7,30. Nei giorni di alta stagione (dal 10/08 al 16/08) orari e prezzi festivi.
L’inizio dei corsi estivi è previsto dal 15 giugno.
Per coloro che non hanno potuto usufruire dei corsi a causa dell’emergenza Covid-19 verrà rilasciato, come da DPCM, un voucher di uguale importo da consumare entro un anno.

Ecco le norme di comportamento per l’emergenza Covid-19:
– Potrà accedere all’impianto un numero limitato di utenti: 103 persone a piscina coperta (tetto chiuso) e 164 in acqua a piscina scoperta (tetto e parco aperti). I frequentatori devono rispettare obbligatoriamente le indicazioni impartite dagli addetti e assistenti bagnanti.
– Gli utenti dovranno sostare in ogni postazione ombrellone con capienza massima di n. 3 persone (4 in caso di nucleo familiare: 2 adulti e 2 bambini).
– Sul prato è obbligatorio mantenere una distanza minima di 2 metri fra le persone.
– Al raggiungimento del numero di utenti massimo gli ingressi saranno sospesi con avviso esposto all’ingresso, pubblicato sul sito web dell’impianto (www. piscinealzano.it) e sulla pagina Facebook della piscina.
– Sono possibili nuovi ingressi compatibilmente al numero massimo di presenze nell’impianto e al cambio turno.
– Si consiglia, in caso di solo ingresso per attività natatoria, l’acquisto di abbonamenti dedicati (senza limite orario d’accesso) che permettono di risparmiare sui costi del biglietto e di evitare code e assembramenti in cassa.
– È obbligatorio l’utilizzo della mascherina in tutto l’impianto, ad esclusione dell’accesso in vasca e durante lo stazionamento presso il proprio ombrellone.
– Si raccomanda ai genitori /accompagnatori di avere cura di sorvegliare i bambini per il rispetto del distanziamento e delle norme igienico-comportamentali compatibilmente con il grado di autonomia e l’età degli stessi.
– Ogni spostamento deve essere obbligatoriamente fatto sui percorsi prestabiliti (nel parco utilizzare appositi vialetti).
– Resta inteso che in base all’evoluzione dello scenario epidemiologico le misure indicate potranno essere rimodulate anche in senso restrittivo.

Il regolamento per l’ingresso all’impianto prevede che:
– Nel cortile in attesa di arrivare alla zona ‘reception’ è obbligatorio rispettare la fila mantenendo un metro di distanza ed è obbligatorio l’uso della mascherina.
– Prima di entrare in zona reception è obbligatorio sottoporsi al termoscan. In caso la temperatura corporea sia superiore a 37,5 gradi non sarà consentito l’accesso alla reception e bisogna consultare il proprio medico curante.
– In zona reception è obbligatoria la disinfezione delle mani servendosi degli appositi dispenser e mantenere la distanza di sicurezza di un metro rispettando i segnaposti.
– Alla reception dovrà essere consegnato obbligatoriamente e debitamente compilato il modulo privacy. Tale modulo può essere scaricato dal sito www.piscinealzano.it oppure sulla pagina Facebook della piscina. In caso l’utente non ne sia in possesso potrà richiederne una copia da compilare e consegnare all’addetto che prova la temperatura.
– È vietato l’ingresso ai soggetti in quarantena.
– Una volta acquistato il biglietto di ingresso si accede all’impianto secondo un percorso prestabilito che verrà indicato dalla receptionista o da un addetto incaricato passando dalla zona bar.

Il regolamento per l’utilizzo degli spogliatoi prevede che siano accessibili esclusivamente agli utenti che frequentano i corsi e agli utenti con abbonamento nuoto libero (senza accesso al parco). Il tempo massimo d’utilizzo degli spogliatoi dovrà essere limitato a: 3 minuti all’ ingresso e 10 minuti all’uscita. Il numero massimo contemporaneo di utenti consentito per ogni spogliatoio interno è di 8 persone. Bisogna riporre le scarpe negli appositi sacchetti messi a disposizione all’ingresso dello spogliatoio; gli indumenti e le scarpe poi andranno messi nella propria borsa all’interno dell’armadietto (per accelerare i tempi di accesso è obbligatorio arrivare all’impianto con il costume già indossato). Gli armadietti possono essere utilizzati solo se tutti gli indumenti e le scarpe sono riposti in borsa. Gli armadietti verranno sanificati con prodotti disinfettanti ad ogni utilizzo dal personale addetto.
Bisogna mantenere sempre la distanza interpersonale di sicurezza di 2 metri sia da altri utenti che dal personale in servizio.
L’utilizzo delle docce all’interno dello spogliatoio è consentito a scomparti alterni, massimo 6 utenti alla volta per garantire la distanza di sicurezza, con obbligo di indossare il costume. La doccia non potrà durare più di 3 minuti (in caso di prolungamento del tempo consentito gli addetti potranno sollecitare l’uscita dalla stessa e segnalare in reception la mancanza con l’aggravio di vietarne l’utilizzo in eventuali successivi ingressi).
È vietato, infine, accompagnare bambini di età superiore ai 6 anni nello spogliatoio e sul piano vasca per evitare assembramenti che facilitano l’esposizione al rischio.

La piscina comunale di Romano di Lombardia riaprirà lunedì 1° giugno: per questa settimana (dal 1 al 7 giugno) solo con la piscina interna.
Gli orari di apertura in vigore dal 1° giugno al 26 luglio sono: da lunedì a sabato dalle 8 alle 19; domenica dalle 8 alle 13. Martedì 2 giugno, invece, sarà aperta dalle 8 alle 13.

La piscina “Sport Indoor” di Mozzo riaprirà lunedì 1° giugno. La prima settimana si svolgerà solo nuoto libero, mentre da lunedì 8 giugno è prevista la ripresa delle attività della scuola di nuoto e del fitness.

L’orario che di consueto viene osservato dall’impianto è dalle 9 alle 21 dal lunedì al venerdì; dalle 9 alle 18 sabato e domenica, anche se per il week-end non sono escluse modifiche. Non è necessario prenotare e lo staff si è organizzato per gestire l’afflusso delle persone. Si consiglia di indossare il costume prima di recarsi alla struttura: sarà possibile spogliare i vestiti a bordo vasca in apposite aree che sono state adibite.
La doccia si effettuerà a bordo vasca e lo spogliatoio si potrà utilizzare in uscita per asciugarsi e cambiarsi.
Inoltre, sono stati posizionati dei cartelli con le informazioni relative alle regole da seguire.
Il parco estivo potrebbe riaprire il prossimo week-end ma non c’è ancora certezza a riguardo.

La piscina comunale di Ghisalba riapre lunedì 1° giugno seguendo l’orario estivo: dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 (20:30 chiusura dello stabilimento); sabato e domenica dalle 8 alle 19 (19.30 chiusura dello stabilimento).

– Bisognerà continuare a indossare la mascherina fino al momento di ingresso in acqua. Per questo motivo sarà necessario portare un sacchetto di plastica mono-uso per conservarvi la mascherina durante la permanenza in acqua.
– Gli abbonamenti e i corsi di nuoto non conclusi e già pagati saranno tutti recuperati. Per tutte le specifiche su proroghe e modalità di recupero lo staff chiede di telefonare o recarsi in struttura da lunedì 1° giugno.

– Da giovedì 4 inizieranno i corsi neonatali e da venerdì 5 i corsi gestanti.
– Da giovedì 4 giugno cominceranno i corsi di nuoto per bambini e adulti.
– Da mercoledì 3 giugno cominceranno i corsi di fitness.

Le regole per l’emergenza sanitaria prevedono:
– All’arrivo verrà rilevata la temperatura corporea. Nel caso essa sia >37.5° non sarà consentito l’accesso alla struttura;
– all’ingresso verrà messa a disposizione una soluzione idro-alcolica per l’igienizzazione delle mani;
– è obbligatorio presentarsi indossando la mascherina e mantenerla fino all’accesso in vasca. Prima di entrare in acqua riporla in sacchetti monouso. Indossarla nuovamente al termine dell’attività;
– all’interno dello spogliatoio tutti i gli effetti personali (comprese le scarpe) dovranno essere riposti all’interno degli armadietti, chiusi o in sacchetti di plastica o all’interno del proprio borsone;
– al fine di non creare assembramenti è caldamente consigliato di indossare a casa il costume per diminuire il tempo di permanenza all’interno dello spogliatoio;
– per frequentare i corsi di nuoto e di fitness è necessaria la prenotazione telefonica o in segreteria;
– si raccomanda ai genitori/accompagnatori di sorvegliare i minori per il rispetto del distanziamento e delle norme igienico-comportamentali;
– si ricordano le consuete norme di sicurezza igienica in acqua: è obbligatorio l’uso della cuffia, è vietato sputare, soffiarsi il naso, urinare in acqua; ai bambini molto piccoli è obbligatorio fare indossare i pannolini contenitivi;
– prima di accedere alla vasca è obbligatoria un’accurata doccia saponata.

All’Acquadream di Osio Sotto la riapertura del parco estivo e del nuoto libero è prevista il 1° giugno.
Per accedere all’impianto sarà necessario che ogni utente porti con sè:
– mascherina ad uso personale, obbligatoria in tutte le aree dell’impianto ad eccezione del periodo trascorso in acqua e/o nelle adiacenze della propria postazione nel parco (purchè venga mantenuta la distanza minima di sicurezza);
– i guanti non sono obbligatori ma consigliati almeno fino all’ingresso nello spogliatoio o all’accesso al giardino;
– il copriscarpe è obbligatorio per gli utilizzatori degli spogliatoi (utenti nuoto libero e corsi), non per gli utenti del parco. Vanno indossati all’ingresso dello spogliatoio e sono in vendita alla cassa.
– Un sacchetto personale (monouso), obbligatorio per gli utilizzatori degli spogliatoi (utenti nuoto libero e corsi, non per gli utenti del parco) per riporre scarpe, borsa, indumenti ed effetti personali all’interno degli armadietti. Si trova in vendita alla cassa in abbinamento ai copriscarpe.
– Un sacchetto personale (monouso): obbligatorio per riporre accappatoio/salvietta ed effetti personali da appendere agli appositi ganci sul piano vasca. In vendita alla cassa in abbinamento ai copriscarpe.
– Un sacchetto personale (monouso) obbligatorio per riporre la propria mascherina e appenderla agli appositi ganci sul piano vasca.

Si raccomanda a tutti gli utenti di:
– lavarsi spesso le mani o igienizzarle utilizzando le soluzioni idroalcoliche messe a disposizione nelle varie aree dell’impianto;
– evitare strette di mano e abbracci;
– mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro;
– evitare assembramenti (vietati in tutte le aree dell’impianto).
Lo staff sta organizzando corsi di nuoto, fitness, happy days con numeri contingentati.

La piscina “Acqualife” di Stezzano riaprire lunedì 1° giugno. Da annotare molte novità, come la ristrutturazione e l’ammodernamento (per questo motivo le vasche interne e la SPA rimarranno chiuse sino a settembre). Sono invece aperte le seguenti aree:
– parco esterno tutti i giorni dalle 9 alle 19. L’entrata alle vasche e agli scivoli sarà contingentata dalle 10;
– palestra dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 14 e dalle 15 alle 21, sabato dalle 8 alle 14 e dalle 15 alle 19, domenica dalle 8 alle 13. Inizialmente è consentita la presenza massima di venti clienti: due ore di attività, tre volte la settimana;
– estetica/Visite Mediche Sportive mercoledì dalle 10 alle 16, venerdì dalle 16 alle 20, sabato dalle 10 alle 20 e domenica dalle 9 alle 13. Per evitare assembramenti, i Clienti sono invitati a presentarsi cinque minuti prima del trattamento.

Nel parco si potrà usufruire di aree attrezzate (a pagamento) con ombrellone e due sdraio. Inoltre, sarà attiva l’area bar, ma solo per asporto.
Per ragioni di sicurezza, al momento, non sono disponibili gli spogliatoi; lo saranno presto; Come presto sarà disponibile una webapp per le prenotazioni. Per ora, per prenotare, telefonare al numero 0356305438 oppure accedere al sito www.acqualifestezzano.it alla pagina “prenota”.
Sul sito si può scaricare e stampare la dichiarazione da compilare e consegnare all’ingresso.

“Olimpic Sport Village” di Villongo riapre lunedì 1° giugno. Riparte con nuoto libero, padel e lido estivo. Sino al 14 giugno le piscine coperte saranno aperte per il solo nuoto libero dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 22, sabato dalle 8.30 alle 19 e domenica dalle 9 alle 19. La laguna sarà aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19.
Lo staff sta organizzando un programma corsi per il mese di agosto (a causa del distanziamento sociale saranno a numero limitato per evitare assembramenti).

Completa il quadro delle prime riaperture al 1° giugno la piscina comunale di Dalmine riaprirà da lunedì 1° giugno dalle 8.30 alle 19.15.

Mercoledì 3 giugno è prevista la riapertura del Centro Sportivo Casnigo. Lo staff sta valutando gli ultimi dettagli e presto ci saranno aggiornamenti.

Alla piscina Olimpic Sporting Club di Calcinate mercoledì 3 giugno riaprirà la segreteria dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18. Viste le restrizioni ci saranno diverse regole da rispettare ed entrate contingentate. L’inizio della stagione è previsto lunedì 8 giugno con: ingresso estivo, corsi nuoto adulti, acqua gym, hydrobike tapis roulant, agonismo Fin Csi Master.
I corsi baby e ragazzi per il momento non sono possibili.
– Si possono recuperare i corsi persi. Per avere maggiori informazioni telefonare al numero 0354423484.

Mercoledì 3 giugno all’Aquaclub di Grumello del Monte riaprirà la palestra (sala corsi e sala pesi) e la piscina interna (nuoto libero, corsi fitness, corsi nuoto teenager, corsi scuola nuoto livello medio/alti – dai 9 anni in su – lezioni di personal trainer, TMA). I corsi fitness riprenderanno secondo il nuovo palinsesto estivo.

Al primo ingresso, verrà richiesto di consegnare il modulo che attesti il proprio stato di salute relativamente al Covid– 19. Per evitare code in reception è possibile scaricare il modulo online e consegnarlo compilato al desk. Potranno allenarsi solo le persone che hanno il certificato medico in corso di validità, che può essere controllata direttamente tramite l’app del centro.
– Come da decreto, non potrà accedere chi, negli ultimi 14 giorni, ha avuto contatti con soggetti risultati positivi al Covid-19 o avuto sintomi simil influenzali.
– Per accedere al club lo staff invita a scaricare l’app Wellteam perchè la prenotazione è obbligatoria, sia per partecipare ai corsi sia per allenarsi in palestra o in piscina. Se non si riesce a recarsi in struttura bisogna cancellare la prenotazione entro le due ore precedenti.
– Se una volta non ci si ricorda di prenotare, si dovrà comunicare alla reception il nome e il numero di telefono per garantire la registrazione delle presenze negli ultimi 14 giorni.
L’accesso è condizionato alla capienza delle disponibilità effettive delle sale.
– Si potrà rimanere all’interno della vasca massimo 60 minuti, se si sta frequentando un corso di fitness o di nuoto si potrà rimanere per tutta la sua durata. Raggiunto il tempo di prenotazione, lo staff ricorderà di lasciare gli ambienti e prenotare il prossimo allenamento.

– Per il nuoto libero e corsi di nuoto, per evitare assembramenti, potranno rimanere in corsia 5 persone. Per tutti i corsi fitness, ad eccezione di Circuit, 12 persone.

– Per quanto riguarda l’utilizzo degli spogliatoi, lo staff consiglia di recarsi all’impianto già in tenuta sportiva e fare poi la doccia a casa. Nel caso in cui non fosse possibile, la segnaletica negli spogliatoi indicherà quali armadietti potranno essere usati. Anche l’utilizzo delle panche sarà regolamentato da segnaletica, l’importante è mantenere 1 metro di distanza tra una persona e l’altra.
La propria borsa non può essere appoggiata a terra, ma deve essere riposta all’interno del proprio armadietto, all’interno della stessa si dovranno riporre tutti i capi d’abbigliamento e gli oggetti personali. Le scarpe dovranno essere riposte in apposito sacchetto e messe nella scarpiera (zona piscina) o nella propria borsa. L’utilizzo delle docce dotate di pannelli divisori è consentito senza alcun vincolo, mentre le docce aperte potranno essere adoperate garantendo il distanziamento sociale di 1 metro. Qualora le docce fossero già occupate da altri clienti, si dovrà attendere il turno in prossimità del proprio armadietto.
– La mascherina dovrà essere indossata in tutte le aree comuni e negli spogliatoi, potrà essere rimossa soltanto durante la pratica sportiva.
Tutti i clienti in entrata/uscita dalla piscina e durante lo stazionamento in questi ambienti devono indossare la mascherina che potrà essere rimossa solo prima di entrate all’interno dell’acqua; la mascherina deve essere riposta all’interno del proprio accappatoio all’interno di una busta di plastica.
– Per recuperare il tempo non usufruito a causa del lockdown sarà possibile richiedere un voucher come da Decreto rilancio del 19 maggio 2020 Capo IV art. 216 punto 4;
– Per quanto riguarda la ripresa dei corsi di nuoto, le categorie super baby (3 – 36 mesi) e baby (3 – 5 anni) riprenderanno a settembre. In linea generale tutti i corsi rivolti ai bimbi al di sotto dei 9 anni saranno rimandati a settembre.
– I responsabili del parco acquatico regoleranno l’accesso agli scivoli e garantiranno 1 metro di distanziamento sociale. La segnaletica indicherà la distanza da rispettare.
– Non sarà consentito accedere al club ai tesserati sprovvisti di certificato medico e a coloro che non sono in regola con i pagamenti. A quest’ultimi non sarà possibile utilizzare nessuna forma di recupero fin tanto che non verranno rispettati gli accordi di pagamento previsti anche trattandosi di abbonamento di rinnovo anticipato.

Si apprestano a riaprire anche la piscine comunale di Seriate. Lunedì 1 e martedì 2 dalle 10 alle 18 sarà aperta la reception per infopoint. Successivamente, salvo diverse disposizioni delle autorità competenti, da mercoledì 3 giugno aprirà il lido estivo Aquamore di 600 metri quadrati, dotato di due piscine: una con corsie e parte relax, l’altra con uno “spray park” da 200 mq dedicato ai bambini. Gli ingressi saranno contingentati e disponibili per un massimo di 350 persone, che potranno frequentare il centro natatorio da lunedì a domenica, dalle 9 alle 20. Nella prime settimane di giugno sarà avviato l’acquisto online dei biglietti. Prima di accedere al lido estivo verrà misurata la temperatura.

Da lunedì 8 giugno è prevista l’apertura delle vasche coperte per l’attività di nuovo libero, l’inizio dei corsi di acquafitness e la ripresa degli allenamenti della squadra agonistica.

I corsi di aquafitness, su prenotazione come già dall’inizio della stagione, riprenderanno dall’8 giugno, mentre il 15 giugno sarà la volta dei corsi di nuoto (baby, ragazzi, teenagers, adulti) e inizierà il camp estivo, cui è possibile iscriversi dal 3 giugno. L’area esterna è stata predisposta in linea con le disposizioni di legge: per garantire il distanziamento sociale, ogni postazione con ombrellone e due lettini sarà di 10 metri quadrati e al termine dell’uso le attrezzature saranno igienizzate prima di essere date ad altri. Gli spogliatoi interni saranno fruibili, ma si consiglia di limitarne l’uso, preferendo gli spazi e le docce esterne.

Sono previste modalità di recupero delle lezioni non usufruite, degli abbonamenti di nuoto libero, degli abbonamenti di acquafitness e delle quote annuali per le attività agonistiche.

La piscina di Parre riaprirà lunedì 8 giugno. Si ricomincerà con nuoto libero e fitness: per l’ingresso sarà necessaria la prenotazione. Da giovedì 4 giugno saranno disponibili i nuovi orari e aperte le prenotazioni telefonando allo 035 704137 oppure al 334 8070018.

All’entrata viene misurata la temperatura, bisogna presentare un’autocertificazione relativa alle proprie condizioni di salute e verrà assegnato un posto riservato negli spogliatoi che corrisponderà al proprio armadietto. I vestiti non possono essere lasciati appesi ma vanno messi nella borsa da riporre nell’armadietto. Il numero che viene attribuito alla singola persona si ritroverà su una rastrelliera collocata a bordo vasca dove si depositerà la mascherina.

Le piscine di Ponte San Pietro si stanno organizzando per la riapertura. Durante questi mesi sono stati realizzati lavori di ristrutturazione oltre all’accurata sanificazione di tutti gli ambienti. A breve verrà comunicata la data ufficiale d’inizio attività.

Alla piscina di Brembate di Sopra sono in corso i preparativi per ripartire in sicurezza. Bisogna attendere anche pochi giorni e l’impianto riaccoglierà tutti gli appassionati di nuoto: presto ci saranno novità.

Al Centro Natatorio “Quadri” di Treviglio sono in corso gli ultimi lavori prima della riapertura. In questi giorni verranno comunicate tutte le informazioni.

Ancora non c’è una data per la riapertura del parco acquatico “Center Park” di Antegnate. La struttura si sta attrezzando, ipoteticamente potrebbe ricominciare la seconda domenica di giugno ma non vi è ancora certezza.

 

Riepilogando, le disposizioni regionali per le piscine prevedono di:
– Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione. I frequentatori devono rispettare rigorosamente le indicazioni impartite dagli istruttori e assistenti ai bagnanti. Il gestore dovrà prevedere opportuna segnaletica, incentivando la divulgazione dei messaggi attraverso, ove possibile, monitor e/o maxi-schermi, per facilitare la gestione dei flussi e la sensibilizzazione riguardo i comportamenti, mediante adeguata segnaletica.
– Prima dell’accesso al luogo di lavoro deve essere rilevata la temperatura corporea del personale e, se superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso o la permanenza ai luoghi di lavoro al lavoratore che sarà quindi posto momentaneamente in isolamento con relativa segnalazione alle autorità sanitarie. Se durante l’attività il lavoratore dovesse manifestare i sintomi di infezione respiratoria da Covid-19 (es. febbre, tosse, raffreddore, congiuntivite) sarà posto in isolamento e segnalato alle autorità sanitarie. La rilevazione della temperatura corporea è fortemente raccomandata anche per i clienti/utenti. Per le disposizioni di dettaglio si rinvia a quanto previsto dal paragrafo 1.3 dell’ordinanza.
– Divieto di accesso del pubblico alle tribune. Divieto di manifestazioni, eventi, feste e intrattenimenti.
– Redigere un programma delle attività il più possibile pianificato in modo da dissuadere eventuali condizioni di aggregazione e da regolamentare i flussi negli spazi di attesa e nelle varie aree per favorire il rispetto del distanziamento sociale di almeno 1 metro, ad eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi e del caso di accompagnamento di minori di 6 anni o persone disabili (questo aspetto afferisce alla responsabilità individuale). Se possibile prevedere percorsi divisi per l’ingresso e l’uscita.
– Privilegiare l’accesso agli impianti tramite prenotazione e mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni, garantendo il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali.
– Organizzare gli spazi e le attività nelle aree spogliatoi e docce in modo da assicurare le distanze di almeno 1 metro (ad esempio prevedere postazioni d’uso alternate o separate da apposite barriere).
– Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti; si raccomanda di non consentire l’uso promiscuo degli armadietti e di mettere a disposizione sacchetti per riporre i propri effetti personali.
– Dotare l’impianto/struttura di dispenser con prodotti igienizzanti per l’igiene delle mani dei frequentatori/clienti/ospiti in punti ben visibili all’entrata, prevedendo l’obbligo di frizionarsi le mani già in entrata. Altresì prevedere i dispenser nelle aree di frequente transito, nell’area solarium o in aree strategiche in modo da favorire da parte dei frequentatori l’igiene delle mani.
– La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona. Per le aree solarium e verdi, assicurare un distanziamento tra gli ombrelloni (o altri sistemi di ombreggio) in modo da garantire una superficie di almeno 10 mq per ogni ombrellone; tra le attrezzature di spiaggia (lettini, sedie a sdraio), quando non posizionate nel posto ombrellone, deve essere garantita una distanza di almeno 1,5 m. Il gestore pertanto è tenuto, in ragione delle aree a disposizione, a calcolare e a gestire le entrate dei frequentatori nell’impianto in base agli indici sopra riportati.
– Per assicurare un livello di protezione dall’infezione assicurare l’efficacia della filiera dei trattamenti dell’acqua e il limite del parametro cloro attivo libero in vasca compreso tra 1,0 -1,5 mg/l; cloro combinato ≤ 0,40 mg/l; pH 6.5 –7.5.
– Rimangono valide le consuete norme di sicurezza igienica in acqua come provvedere a un’accurata doccia prima di entrare in vasca; è obbligatorio l’uso della cuffia; ai bambini molto piccoli far indossare i pannolini contenitivi.
– Regolare e frequente pulizia e disinfezione delle aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici, cabine, attrezzature (sdraio, sedie, lettini, incluse attrezzature galleggianti, natanti etc.).
– Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. In ragione dell’affollamento e del tempo di permanenza delle persone.
– Le attrezzature come lettini, sedie a sdraio, ombrelloni etc. devono essere disinfettati ad ogni cambio di persona o nucleo famigliare. Diversamente la disinfezione deve essere garantita ad ogni fine giornata. Evitare l’uso promiscuo di oggetti e biancheria: l’utente dovrà accedere alla piscina munito di tutto l’occorrente.
– Le piscine finalizzate a gioco acquatico in virtù della necessità di contrastare la diffusione del virus,vengono convertite in vasche per la balneazione. Qualora il gestore riesce ad assicurare i requisiti previsti, sono consentite le vasche torrente, toboga, scivoli morbidi.
– Si raccomanda ai genitori/accompagnatori di avere cura di sorvegliare i bambini per il rispetto del distanziamento e delle norme igienico-comportamentali compatibilmente con il loro grado di autonomia e l’età degli stessi.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.