BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Castello Vimercati Sozzi, un vegliardo a protezione della Val San Martino

Nuova puntata della rubrica domenicale di BGY che fa tappa a Cisano Bergamasco

Vero e proprio simbolo della Val San Martino, il Castello Vimercati Sozzi domina da secoli Cisano Bergamasco e l’area circostante.

Realizzata lungo un crinale a fianco del torrente Sonna, l’esistenza della fortificazione è attestata sin dal 1104 quando venne indicata come residenza di Alghiero Vimercati.

La configurazione attuale appare tuttavia radicalmente differente da quella medievale: nel documento viene citato il termine “castrum”, sostantivo utilizzato per identificare il villaggio fortificato sorto nella zona.

Discorso diverso invece per la rocca vera e propria la cui presenza sull’altura venne documentata per la prima volta soltanto nel 1237.

Al centro delle contese fra Guelfi e Ghibellini, l’edificio passò definitivamente nelle mani degli Zonca nel 1433 come confermato alla Repubblica di Venezia che attribuì alla famiglia la proprietà dell’immobile e dei territori circostanti.

Essendo l’unico punto di accesso alla sezione superiore della vallata, essa ricoprì un ruolo fondamentale per l’area e per la casata orobica che decise di investire nella sua ricostruzione.

I problemi economici che afflissero gli Zonca a cavallo fra il Quattrocento e il Cinquecento potrebbero aver propiziato il ritorno dei Vimercati che ne conservarono il possesso sino agli Anni Venti del Novecento.

Osservando l’attuale conformazione del castello spicca senza dubbio l’alta torre d’avvistamento, risalente al XIII secolo e oggi adibita ad uso residenziale.

Decorata da una parte di merlatura rimasta intatta, essa presenta una struttura composta da conci squadrati e levigati in corrispondenza delle spalle e delle aperture (feritoie e archi d’ingresso) e un locale al primo piano coperto da una volta a sesto ribassato.

Risalirebbero infine a un’epoca posteriore il muraglione e i resti del vallone che per decenni protessero esternamente la fortificazione.

Fonti

AA.VV.; Castra bergomensia : castelli e architetture fortificate di Bergamo e provincia; Bergamo; Provincia di Bergamo; 2004

AA.VV.; Cisano Bergamasco; Cisano Bergamasco; Pro loco; 2002

Flavio Conti, Vincenzo Hybsch, Antonello Vincenti; I castelli della Lombardia; Milano : Regione Lombardia, Settore cultura e informazione, 1993

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.