Gasperini: "Ho avuto il Covid e paura di morire, l'Atalanta aiuterà Bergamo a ripartire" - BergamoNews
L'intervista

Gasperini: “Ho avuto il Covid e paura di morire, l’Atalanta aiuterà Bergamo a ripartire”

Anche l'allenatore nerazzurro ha fatto i conti con la malattia, temendo il peggio. Lo ha confessato per la prima volta a 'La Gazzetta dello Sport'

“Sì, ho avuto paura”. Anche l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha dovuto fare i conti con il coronavirus, temendo il peggio. Lo ha confessato per la prima volta in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, a firma di Luigi Garlando. “Quando sentivo le sirene delle ambulanze, mi domandavo cosa sarebbe successo se fosse toccato a me e pensavo: non posso andarmene ora, ho tante cosa da fare”.

Il giorno prima della partita di Valencia stava male. “Il pomeriggio della partita peggio – racconta Gasperini -. In panchina non avevo una bella faccia”. Era il 10 marzo. “Le due notti successive a Zingonia ho dormito poco. Non avevo la febbre, ma mi sentivo a pezzi come se l’avessi avuta a 40”.

Poi rivela un aneddotto. Vittorio, chef stellato tifoso della Dea, aveva fatto arrivare 25 colombe e Dom Perignon del 2008. “Lo assaggio e dico: ‘Ma questa è acqua’ – ricorda -. Tullio (Gritti, secondo di Gasperini, ndr) mi guarda storto: ‘Scherzi? È una delizia’. La colomba mi sembrava pane. Avevo perso il gusto”.

Una decina di giorni fa i test sierologici hanno confermato che anche il mister nerazzurro ha avuto il Covid-19. “Ho gli anticorpi, che non vuol dire che ora sono immune. Sabato 14 ho fatto un allenamento duro come non ricordavo da anni. Un’ora sul tapis-roulant, più di 10 chilometri di corsa. Mi sono sentito bene, forte. Il peggio era passato”.

Già, ma il mister non nasconde che in quei momenti ci si sentiva come in guerra. “Alcuni pensano che tornare in campo sia immorale dopo quanto accaduto e davanti al rischio che possa ripetersi, ma è l’unico modo per riprendersi la normalità – commenta -. L’Atalanta può aiutare Bergamo a ripartire, nel rispetto del dolore e dei lutti”.

leggi anche
  • Numeri da record
    L’Atalanta vola anche col bilancio: 188 milioni di ricavi e utile di 26 milioni
    Percassi
  • L'anniversario
    Atalanta, la prima volta in Champions non si scorda mai: e il bis è alla portata
    Champions
  • Il traguardo
    Arianna dedica la sua laurea a Bergamo: “Non arrendetevi mai”
    Dedica laurea Bergamo
  • Domenica 31 maggio
    Coronavirus, i dati della Regione: 210 nuovi contagi in Lombardia, 43 in Bergamasca
    Coronavirus Areu
  • Bergamo
    ‘Contributo Covid’ e prezzi in aumento, Federconsumatori lancia l’allarme
    speculazioni Federconsumatori
  • Oggi, 1° giugno
    Da Alzano a Seriate: le piscine bergamasche riaprono con gradualità
    nuoto piscina
  • Con 24 gol
    Quell’1 giugno che incoronò Superpippo: “Ora bello ripartire, è un segnale di speranza”
    Inzaghi Atalanta
  • Gli impegni
    Serie A, ufficiale il nuovo calendario: date e orari delle partite dell’Atalanta
    Atalanta-Hellas Verona
  • L'analisi
    Atalanta, dov’eravamo rimasti? Si riparte con le imprese di Lecce e Valencia negli occhi
    Atalanta
  • Calcio
    Tutti pazzi di Atalanta, anche il Monza di Galliani e Berlusconi: “È il nostro modello per tornare in A”
    adriano galliani
  • Calendari a confronto
    Dal recupero col Sassuolo all’ultima con l’Inter: la corsa Champions dell’Atalanta
    Gasperini
  • Cosa ne pensi
    Dopo il Covid torna l’Atalanta: era ora? Meglio aspettare? Vota
    Gosens
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it