Bergamo

‘Contributo Covid’ e prezzi in aumento, Federconsumatori lancia l’allarme

L'invito del presidente Umberto Dolci: "Segnalate"

“Di una cosa siamo consapevoli: anche di fronte ad una tragedia come quella che ci ha investiti, quando si tratta di pagare il conto… chi appena può lo scarica sull’ultimo anello della catena”.

A parlare è Umberto Dolci, presidente di Federconsumatori Bergamo, l’associazione a tutela dei diritti del consumatore. “Ci chiediamo di chi sia la responsabilità dell’aumento a dismisura, nel volgere di un paio di mesi, dei prezzi della frutta e della verdura”. E ancora: “Come si giustifica che in calce a una ricevuta emessa da un parrucchiere per signora si debbano trovare e pagare 3 euro per ‘contributo Covid’?.

Dolci segnala anche che “approfittando del fatto che è ancora difficile trovare l’alcool denaturato in negozio, c’è chi ha la bella pensata di avvisare che l’alcool c’è: costa c.a. 6 euro al flacone, però lo si vende solo a chi fa acquisti non inferiori ai 20 euro”.

Per questo Federconsumatori Bergamo “invita i cittadini a segnalare alle autorità le situazioni che, a loro parere, richiederebbero almeno una forma di trasparenza nell’informazione”.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
leggi anche
Coronavirus Areu
Domenica 31 maggio
Coronavirus, i dati della Regione: 210 nuovi contagi in Lombardia, 43 in Bergamasca
Botteghe dopo il lockdown
Il racconto
Le botteghe riaprono e risvegliano la città dopo l’incubo Coronavirus
Gasperini
L'intervista
Gasperini: “Ho avuto il Covid e paura di morire, l’Atalanta aiuterà Bergamo a ripartire”
anziano smartphone
Denuncia di federcosumatori
“Per chi non sa usare la tecnologia quasi impossibile prenotare visite sanitarie”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI