BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In gruppo e senza mascherine: i gilet arancioni protestano davanti a Palazzo Frizzoni fotogallery

I 'gilet arancioni', il movimento di protesta guidato dall'ex generale dei carabinieri Antonio Pappalardo, presente anche a Bergamo, chiede, tra le altre cose, la fine del governo Conte e il "ritorno alla lira italica".

Qualche decina di persone – i gilet arancioni – si è radunata davanti a Palazzo Frizzoni senza alcuna distanza di sicurezza e, in molti casi, senza mascherine o con le mascherine abbassate. Una situazione simile si è verificata anche in piazza Duomo a Milano, dove la Questura del capoluogo lombardo sta già lavorando: sia gli organizzatori sia i manifestanti verranno identificati tramite le immagini e saranno denunciati per la violazione del decreto in materia di restrizioni anticovid. Chi era senza mascherina sarà sanzionato in base alla normativa.

I ‘gilet arancioni’, il movimento di protesta guidato dall’ex generale dei carabinieri Antonio Pappalardo presente anche a Bergamo, chiede tra le altre cose, la fine del governo Conte, l’avvio di un nuovo governo nazionale e il “ritorno alla lira italica”.

M5S Lombardia: Incivile raduno in piazza Duomo

Marco Fumagalli, capogruppo del M5S Lombardia: “I gilet arancioni si sono presi gioco dei milanesi e hanno infranto le regole per ignoranza e inciviltà. Chi ha autorizzato questo assembramento? Perché non è stato impedito? Se da domani aumenteranno i contagi chi sarà il responsabile? Oggi assistiamo a “raduni” di soggetti vestiti di arancione, che in barba ad ogni richiamo circa l’obbligo di distanziamento inneggiano alla piazza e al ritorno alla lira con un ripugnante rigurgito nazionalista, domani a chi tocca? Mai come oggi, alla vigilia della Festa della Repubblica, siamo chiamati a tenere alta l’attenzione sui i diritti e la salute dei cittadini e il rispetto delle regole democratiche”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigiunio

    giusto individuarli e multarli, ma non col minimo ma col maasimo possibile. se ci sonoleleggi vannorispettate!!! e per quanto riguarda il ritorno alla lira vogliamo un raddoppio dei prezzi come nel 2002? non vi piace l’euro?trasferiteviin antartide e trattate con i pinguini