Agriturismo, dal picnic in vigna al menù digitale: le idee contadine per la ripartenza - BergamoNews
La fase 2

Agriturismo, dal picnic in vigna al menù digitale: le idee contadine per la ripartenza

A Palazzago, l’agriturismo Il Belvedere propone il picnic contadino: ai consumatori viene consegnato un cestino con salumi, formaggi, verdure, frutta e dolci insieme a coperte, cuscini, tovaglioli, piatti e stoviglie compostabili, e tutto il necessario per realizzare un vero e proprio picnic in tranquillità e senza assembramenti.

Ripartenza all’insegna della sicurezza e della creatività per gli agriturismi bergamaschi, senza naturalmente dimenticare i prodotti del territorio. Accanto all’ospitalità tradizionale, tra le varie proposte c’è chi offre l’opportunità di fare un picnic in mezzo al verde, immersi nelle vigne o circondati dalle rose, chi per rassicurare gli ospiti di essere in totale sicurezza ha addirittura digitalizzato il menù e chi dà la possibilità di vivere un’esperienza da contadino.

Gli agriturismi – precisa Coldiretti Bergamo – sono situati in campagna, spesso in zone isolate, in strutture familiari e lontano dagli affollamenti, con spazi adeguati per i posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto. Per questo sono forse i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche e con l’arrivo della bella stagione possono regale emozionanti esperienze a contatto con la natura.

A Palazzago, l’agriturismo Il Belvedere propone il picnic contadino: ai consumatori viene consegnato un cestino con salumi, formaggi, verdure, frutta e dolci insieme a coperte, cuscini, tovaglioli, piatti e stoviglie compostabili, e tutto il necessario per realizzare un vero e proprio picnic in tranquillità e senza assembramenti. I consumatori possono scegliere di immergersi nella natura in diversi luoghi proposti dall’agriturismo: dalla vigna al roseto fino al bosco degli ontani.

Il podere del Montizzolo di Caravaggio e la Cascina dei Prati di Credaro per mettere a proprio agio le famiglie che andranno da loro hanno deciso di sfruttare la tecnologia per assicurare la sicurezza a 360 gradi: hanno così digitalizzato i propri menù, che potranno essere consultati direttamente dal proprio smartphone attraverso la scansione di un codice QR. Ci saranno comunque anche menu cartacei usa e getta a disposizione di coloro che non potranno usufruire della versione digitale perché, ad esempio, non dotati di un cellulare idoneo.

L’agriturismo Cascina Lama di Clusone propone invece il pick your own. Gli ospiti della struttura, dopo aver pranzato, possono andare nel frutteto vicino e raccogliere fragole, lamponi e ribes. È un modo diverso di fare la spesa di frutta a km zero e di avere un assaggio dei lavori in campagna.

Non mancano infine – conclude Coldiretti Bergamo – gli agriturismi che consegnano a domicilio i loro menù e quelli che, invece, optano per la formula “take away”. La presentazione degli agriturismi bergamaschi si può consultare sul sito www.campagnamica.it

leggi anche
  • Terranostra
    Agriturismi, arriva il protocollo di sicurezza per un’ospitalità garantita
  • Coronavirus
    Chiesto lo stato di calamità per gli agriturismi: “A Bergamo tanti rischiano il crack”
  • L'allarme
    Agriturismi, fioccano le disdette anche a Bergamo; Coldiretti: “È un disastro”
  • Il progetto
    “Sorrisi nascosti, siamo qui per te”: facilitare la comunicazione tra sordi congeniti e sordi-ipovedenti
  • Bergamo
    Ente Bilaterale Turismo: è Alberto Citerio il nuovo presidente
  • Bollettino ufficiale
    Turismo, bando di Regione Lombardia da 17 milioni di euro per strutture ricettive
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it