Confcommercio Lombardia: "Non ci sarà ripartenza se non si riaprono i confini regionali" - BergamoNews
Post covid 19

Confcommercio Lombardia: “Non ci sarà ripartenza se non si riaprono i confini regionali”

Commercio e turismo: senza mobilità e turisti prospettive nere. In Lombardia 28 milioni di presenze in meno nel 2020

“La riapertura dei confini regionali e la libera circolazione internazionale sono fondamentali per non infliggere un ulteriore, durissimo colpo alle prospettive di ripartenza”. Lo osserva Confcommercio Lombardia, raccogliendo le fortissime preoccupazioni degli operatori di tutta la Regione, allarmati dalla prospettiva che la Lombardia possa restare chiusa più a lungo di altre regioni o che l’Italia possa essere esclusa dai prospettati “corridoi turistici” a livello internazionale.

“Di vera ripartenza non si potrà parlare, sino a che non riprenderà la mobilità a livello nazionale ed europeo. Pensiamo a quanto incidano i mancati arrivi di turisti stranieri, ad esempio per le attività commerciali nei centri storici delle grandi città o nelle località sui laghi” afferma Confcommercio Lombardiaper non parlare del blocco di tutto il sistema fieristico”.

Ritardare ancora l’apertura dei confini regionali, o restare esclusi dai flussi turistici europei, aggraverà una situazione già al limite, dal momento che, ricorda Confcommercio Lombardia, le previsioni sono già estremamente negative: secondo l’Osservatorio di Federalberghi per il 2020 si conteranno 28 milioni di presenze in meno in Lombardia, di cui 18 dall’estero e quasi 10 dall’Italia.

Con gli arrivi dall’estero praticamente fermi al palo, la riapertura dei confini regionali diventa fondamentale: un perdurare del blocco significherà, di fatto, non poter lavorare. Questo vale tanto per Milano, dove gli albergatori sottolineano il carattere esiziale di un eventuale slittamento delle riaperture, quanto per tutta la Lombardia.

Il tema è particolarmente sentito nelle province di confine: nel Mantovano, per esempio, i cui flussi turistici provengono per il 70% da basso Veneto ed Emilia Romagna, la preoccupazione degli operatori è fortissima. Ma lo scenario è lo stesso per tutte le altre aree in cui le attività di accoglienza e di ristorazione contano su una clientela proveniente da comuni confinanti, ma fuori regione.

“È chiaro che la priorità resti garantire la sicurezza – puntualizza Confcommercio Lombardiama auspichiamo che nelle decisioni del Governo sulle riaperture tra regioni sia adottato un principio di equità, e si tenga in giusta considerazione l’esigenza di decine di migliaia di operatori di settori già messi in ginocchio da mesi di chiusura. E che tutti, dal livello regionale a quello nazionale, facciano sentire la propria voce per non tagliare fuori la Lombardia, e l’Italia, dalla ripresa del turismo internazionale”.

leggi anche
  • In procura a bergamo
    Fontana ai pm: “Zona rossa? Nessuna pressione dal mondo economico”
    Il governatore Fontana in procura a Bergamo: contestato
  • L'elenco
    I 68 milioni per la Bergamasca colpita dal Covid: i fondi Comune per Comune
    Giuseppe Conte in Prefettura a Bergamo
  • Contributo straordinario
    Il governo accredita i 200 milioni a Bergamo e alle province più colpite dal Covid
    Giuseppe Conte in Prefettura a Bergamo
  • L'iniziativa
    Al via la formazione online: come funziona il nuovo servizio Confartigianato
    computer
  • Coldiretti bergamo
    Latte, industria abbassa il prezzo alla stalla: “Non copre neanche i costi di produzione”
    Protestano sabato i produttori di latte
  • Nuova ordinanza
    Coronavirus, Regione Lombardia: lunedì si aprono palestre e piscine
    Piscine di briolo
  • Post emergenza
    Confermati gli spostamenti tra regioni a partire dal 3 giugno
    sciopero all'aeroporto
  • Primo trimestre 2020
    Bergamo, il commercio soffre meno dei servizi per il Covid-19
    Spesa
  • Tremaglia e ribolla
    A2A dona buoni Amazon, Lega e Fratelli d’Italia: “Gori proponga alternative”
    L'inaugurazione del centro Amazon a Casirate
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it