Quantcast
L'assessore Gallera in procura a Bergamo: "Qui per informare, nessuna preoccupazione" - BergamoNews
Giovedì pomeriggio

L’assessore Gallera in procura a Bergamo: “Qui per informare, nessuna preoccupazione”

Sentito come persona informata sui fatti dai pm che indagano sulla gestione dell'emergenza coronavirus

“Siamo qui per fare i testimoni, è un atto dovuto. La Magistratura sta approfondendo e noi siamo informati sui fatti”. E ancora: “Io preoccupato? Non scherziamo, non sono preoccupato”. Così l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, arrivato intorno alle 17 di giovedì pomeriggio in procura a Bergamo per essere sentito come persona informata sui fatti nell’indagine sulla gestione dell’ospedale di Alzano Lombardo e su quella per le morti sospette nelle Rsa della provincia.

leggi anche
Gallera
Indagini in corso
Covid, Fontana e Gallera convocati dalla procura di Bergamo come persone informate sui fatti

I magistrati bergamaschi vogliono chiarire i motivi della mancata chiusura del Pronto soccorso del Pesenti Fenaroli domenica 23 febbraio e capire se siano state commesse leggerezze nelle residenze per anziani nelle settimane successive. C’è poi il capitolo sulla mancata zona rossa nella Bergamasca, in particolare nei comuni di Alzano e Nembro.

Nei giorni scorsi era già stato ascoltato il direttore generale della Sanità, Luigi Cajazzo, mentre domattina alle 10, salvo impegni politici, dovrebbe essere sentito il presidente della Regione Attilio Fontana.

leggi anche
tamponi coronavirus
Lo scontro
“Coronavirus, Lombardia sottostima dati”: la Regione querela il Gimbe
dati Regione
Il punto della regione
Coronavirus: a Bergamo 69 nuovi contagi, 382 in Lombardia
fontana procura bergamo
Venerdì mattina
Finita l’audizione di Fontana in Procura a Bergamo; contestazioni. Salvini: “Vergognoso”
Il governatore Fontana in procura a Bergamo: contestato
In procura a bergamo
Fontana ai pm: “Zona rossa? Nessuna pressione dal mondo economico”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it