Quantcast
Oggi l'addio al piccolo Karim, morto a 10 anni incastrato in un cassonetto - BergamoNews
A boltiere

Oggi l’addio al piccolo Karim, morto a 10 anni incastrato in un cassonetto fotogallery

Tante le offerte di aiuto per la famiglia del bambino, che vive in ondizoni disagiate con altri quattro figli

A dieci giorni da quella drammatica sera, la piccola comunità di Boltiere ancora non si capacita della tragedia costata la vita al piccolo Karim Bamba, il bimbo di dieci anni morto incastrato in un cassonetto della Caritas da dove stava cercando di estrarre vecchi indumenti.

leggi anche
foto Boltiere
Boltiere
Morto a 10 anni incastrato nel cassonetto: autopsia sul corpo del piccolo Karim

Oggi, giovedì 28 maggio alle 16:30, al cimitero del paese della Bassa, sarà celebrato il funerale del piccolo. Alla  cerimonia parteciperanno il sindaco Osvaldo Palazzini e il parroco don Giuseppe in rappresentanza dei tanti cittadini che avrebbero voluto abbracciare idealmente la famiglia del bimbo ma che non potranno esserci a causa delle limitazioni per il Covid.

L’amministrazione ha invitato la cittadinanza a esprimere il proprio cordoglio e la partecipazione al dolore della famiglia osservando un momento di raccoglimento nelle proprie abitazioni.

leggi anche
Boltiere, bimbo di 10 anni muore schiacciato in un cassonetto
La tragedia
Sotto sequestro il cassonetto in cui è morto Karim: si indaga per omicidio colposo

Nei giorni scorsi sono state tante le offerte di aiuto per la famiglia di Karim, madre italiana e papà della Costa d’Avorio, con altri quattro figli piccoli, che vivono in una casa comunale e sono seguiti dai servizi sociali. Le donazioni possono essere effettuate in parrocchia o al Centro di primo Ascolto Caritas parrocchiale.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it