Il calcio riparte: la Serie A in campo il 20 giugno, la Coppa Italia forse 7 giorni prima - BergamoNews
L'annuncio

Il calcio riparte: la Serie A in campo il 20 giugno, la Coppa Italia forse 7 giorni prima

Via libera alla ripresa del campionato: il ministro Spadafora annuncia le date, con la possibilità di disputare semifinali e finale della Coppa nazionale il 13 e 17 giugno.

Ci siamo, il campionato di calcio riparte: nel tardo pomeriggio di giovedì 28 maggio il ministro Spadafora ha avvisato il premier Conte dell’accordo raggiunto con Federcalcio, calciatori, allenatori e arbitri.

Dopo l’ok del Cts arrivato in giornata al protocollo della Figc, che stabiliva l’obbligo della quarantena fiduciaria nel caso in cui un giocatore risulti positivo, la riunione col ministro è filata liscia: “Il campionato riprenderà il 20 giugno – ha annunciato Spadafora – C’è poi la possibilità che il 13 e 17 giugno si disputino le semifinali e la finale di Coppa Italia”.

Definiti anche i provvedimenti in caso di una nuova impennata della curva dei contagi: il piano B sono playoff e playout, l’ultima carta la cristallizzazione della classifica al momento dell’eventuale nuova sospensione.

Un primo passo importante, ma sono ancora tanti i nodi da sciogliere.

Il primo è quello legato alle tv: i calciatori sono orientati a non giocare in orario pomeridiano, per evitare i rischi legati al caldo eccessivo di questa stagione. Ancora viva la pista di un’offerta televisiva in chiaro in occasione della ripartenza.

Più informazioni
leggi anche
  • Il match
    Calcio, serie A, l’Ordine dei giornalisti: “Predisporre spazi per la libera stampa”
    Atalanta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it