Quantcast
Bloccate alle Canarie con le ceneri della sorella, Giuliana e Luigina pronte a tornare a casa - BergamoNews
Una è di vigolo

Bloccate alle Canarie con le ceneri della sorella, Giuliana e Luigina pronte a tornare a casa

Dopo molti appelli caduti nel vuoto, un volo Neos le porterà in Italia il 3 giugno: "Grazie a chi ci ha dato una mano"

Rientreranno in Italia mercoledì 3 giugno Giuliana e Luigina Picchi, le due sorelle di 83 e 76 anni da mesi bloccate a Fuerteventura, nelle Canarie. La prima abita a Vigolo, nella Bergamasca. “Abbiamo passato giorni proprio brutti – commenta – ma finalmente torniamo a casa”

Un soggiorno dorato che si è trasformato in una lunga prigionia, resa ancor più dolorosa dalla morte della sorella Gianna, 84 anni, a causa di un incidente domestico lo scorso tre maggio.

Le sorelle erano arrivate il 9 gennaio a Puerto del Rosario, per trascorre un paio di mesi di relax prima di tornare alla rispettive residenze di Vigolo, Pandino nel Cremonese e Brallo di Pregola, in alto Oltrepò Pavese. Il rientro era previsto per il 17 marzo, ma la pandemia ha interrotto ogni collegamento e il primo volo utile risultava in programma a luglio.

Dopo molti appelli caduti nel vuoto, un volo Neos Fuerteventura-Roma-Milano Malpensa le riporterà in Italia grazie all’intervento dell’ambasciata italiana a Madrid, contattata dal deputato Paolo Formentini, venuto a conoscenza della vicenda. Il loro grazie va a tutte le persone che si sono adoperate per farle rientrare in Italia.

leggi anche
Dichiarazione dei redditi
Fisco facile
Il decreto rilancio riscrive le scadenze del calendario fiscale, ecco come
assistenti civici
Il sindacato
Polizia Locale contraria agli assistenti civici: “Rischiano aggressioni dai cittadini”
Coronavirus Areu
La testimonianza
Più di duemila pazienti Covid, oggi “solo” 56: i mesi di fuoco dell’ospedale di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it