BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I 50 carabinieri in congedo che hanno presidiato l’ospedale da campo alla Fiera

Sarebbero stati dimenticati nei discorsi in occasione della cerimonia di martedì 26 maggio per elogiare chi ha lavorato in queste settimane

Il presidente di Bergamo dell’Associazione Carabinieri Roberto Frambrosi ringrazia i suoi uomini che hanno prestato servizio volontariamente all’ospedale da campo allestito alla Fiera di Bergamo per l’emergenza Covid e che sarebbero stati dimenticati nei discorsi in occasione della cerimonia di martedì 26 maggio per elogiare chi ha lavorato in queste settimane:

Spettabile Redazione

Ho letto con piacere e interesse un vostro articolo dove viene riassunta l’encomiabile attività all’ospedale da campo svolta in periodo di emergenza Covid-19.

Sono stati giustamente e doverosamente citate tutte le forze che hanno contribuito alla riuscita di un fulgido esempio di sinergia che ha consentito di superare uno dei periodi più dolorosi della storia recente del nostro territorio più di altri martoriato da questa pandemia.

Emergency, Ana, dottori infermieri, tifosi dell’atalanta, volontari artigiani.

Sono intervenuti il sindaco di Bergamo, il prefetto di Bergamo, il direttore generale dell’ospedale da campo, e un assessore del Comune di Bergamo con parole giustamente di lode per i suddetti operatori.

Ho purtroppo constatato, con un pizzico di rammarico, che il contributo di oltre 50 carabinieri in congedo delle sezioni di Bergamo e provincia che hanno, dal giorno di ultimazione dei lavori della struttura al giorno di dimissione dell’ultimo paziente Covid, garantito un continuo servizio di osservazione perimetrale, un servizio di prima accoglienza ai varchi e di controllo della sala operativa è stato per dimenticanza non citato.

Credo, non fosse altro a titolo di presidente della Associazione Nazionale Carabinieri Sezione di Bergamo, ma soprattutto a titolo di cittadino, che l’impegno che i volontari carabinieri hanno riservato meriti una giusta considerazione e menzione.

In modo particolare l’impegno del Consigliere della Sezione di Bergamo e responsabile del gruppo Luca Mazzucchelli.

Se non dagli illustri interventi delle più alte cariche del Territorio Bergamasco, sarà dalla seppur modesta (ma non meno prestigiosa) carica che orgogliosamente ricopro, a chiedere per mezzo vostro di poter estendere un doveroso grazie ai colleghi che, con spirito di abnegazione e sacrificio non si sono tirati indietro in questa particolare emergenza.

Siamo stati impegnati dal 30 di marzo al 23 di maggio con 12 Volontari della sezione di Bergamo, 2 volontari della sezione di Grumello, 19 della sezione media Valseriana , 11 volontari di Ponte San Pietro e 9 Villa d’Almé, totale 53 volontari carabinieri; dal 13 al 26 di aprile abbiamo coperto anche il turno notturno, con la disponibilità e la collaborazione di otto paracadutisti della Val Cavallina e 15 della Valseriana.

Ringraziando per lo spazio concessomi rimarremo sempre disponibili a proseguire le attività di supporto a beneficio della popolazione bergamasca e non solo, sposando ancora una volta il nostro motto “Semper Fidelis”.

Distinti saluti

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.