BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, la A verso la ripartenza con la possibilità delle partite trasmesse in chiaro

Le conferme del ministro Spadafora e del presidente Malagò

Il protocollo per la ripartenza della Serie A è stato inviato dalla Figc al ministero dello Sport. Giovedì 28 maggio il giorno decisivo: lì si conoscerà con certezza la risposta alla domanda che tutti gli appassionati si fanno da settimane: il calcio riparte anche in Italia?

C’è ottimismo

Negli ultimi giorni è cresciuto in maniera esponenziale l’ottimismo, tanto che perfino il ministro Vincenzo Spadafora – prudente sin dal principio – si è sbilanciato parlando di una “probabile ripartenza del campionato di Serie A a giugno, il 13 o il 20”.

Domenica sera, ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa, anche il presidente del Coni Giovanni Malagò ha confermato tutto: “Si ripartirà il 13 o il 20 giugno se la curva del contagio lo consentirà”.

Tutto, quindi, dipenderà dal vertice di giovedì. Ma c’è grande ottimismo.

Partite in chiaro?

Le novità per gli appassionati, però, potrebbero non essere finite qua. Il ministro Spadafora, infatti, ha chiesto ufficialmente la trasmissione in chiaro delle partite del campionato.

Qui, la strada è molto più complicata perché di mezzo ci sono gli interessi milionari delle tv: difficile (quasi impossibile) che Sky accetti di concedere i diritti dei match che ha pagato a peso d’oro.

Più facile che la soluzione si trovi a metà strada, con una sorta di “diretta gol” trasmessa su Sky Sport News Hd (canale 200 sul satellite e 481 sul digitale terrestre) e Tv8 (canale 8 sul digitale terrestre) delle gare che si giocheranno nelle fasce 18.45 e 21. Questo, permetterebbe di evitare assembramenti nei locali pubblici ma anche nelle abitazioni private per seguire le partite.

Qui Atalanta

L’Atalanta ha ripreso gli allenamenti di gruppo martedì 19 maggio, con la gran parte dei calciatori che ha iniziato il lavoro individuale nelle due settimane precedenti, quelle in cui il Governo aveva dato il via libera alla ripresa delle attività sportive praticate da singoli atleti.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.